Nassiriya, Emanuela Corda (M5S): ricordiamo anche il carnefice kamikaze

emanuela_corda12 NOV – 12 nov. – I 19 morti italiani, certo. I 9 iracheni, ovviamente. Ma del kamikaze chi si ricorda? La deputata M5s Emanuela Corda, che sceglie la commemorazione in Aula alla Camera del decennale della strage di Nassiriya per rivolgere un pensiero anche a chi era alla guida del mezzo imbottito di esplosivo che la provoco’.

“Nessuno – segnala – ricorda il giovane marocchino che si suicido’ per portare a compimento quella strage. Quando si parla di lui, se ne parla solo come di un assassino, e non anche – sono le parole della deputata grillina – come di una vittima, perche’ anch’egli fu vittima oltre che carnefice”.
Qui, come registra lo stenografico d’Aula, si levano le “proteste dei deputati del gruppo Fratelli d’Italia” mentre la loro collega M5s avverte che “l’aspetto piu’ drammatico della strage di Nassiriya e’ che, a nostro parere, non fu uno scontro tra buoni e cattivi, non fu un attacco di militari che fecero strage di civili inermi. Da una parte e dall’altra, infatti, vi erano delle vittime, e i responsabili politici e morali, i mandanti di quella strage non sono mai stati puniti”. “Tutti noi ricordiamo commossi i 19 italiani deceduti in quell’attacco kamikaze, e oggi siamo vicini ai loro familiari.

A volte ricordiamo anche i 9 iracheni che lavoravano nella base italiana, ma non troppo spesso”, dice ancora Corda prima di rendere il suo problematico omaggio al kamikaze. “Un’ideologia criminale – spiega ancora – lo aveva convinto che quella strage fosse un gesto eroico, e lo aveva mandato a morire. E non e’ escluso – aggiunge ampliando il ragionamento ad altre pagine tragiche – che quel giovane, come tanti kamikaze islamici, fosse spinto dalla fame e dalla speranza che quel suo sacrificio sarebbe servito per far vivere meglio i suoi familiari, che spesso vengono risarciti per il sacrificio del loro caro”.
E allora “se i nostri militari furono vittime, non furono solo vittime dell’ideologia terroristica, ma anche della politica occidentale: la politica – accusa Corda – dei nostri governi, che spedirono e continuano a spedire i nostri ragazzi sui fronti di guerra, raccontando loro che e’ eroico occupare i territori di altri popoli col pretesto che si sta portando la pace, quando invece si fomentano talvolta le ideologie terroristiche, e tutti i drammi che ne conseguono”.

All’Emiciclo, Corda rammenta “la provetta agitata da Colin Powell al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che avrebbe dimostrato al mondo la presenza di armi di sterminio di massa, che in verita’ non vennero mai trovate” e leva il suo grido “mai piu’ Nassiriya, mai piu’ guerre di occupazione, mai piu’ violazioni dell’articolo 11 della Costituzione! Lo ribadiamo: noi siamo vicini alle famiglie dei caduti, e siamo vicini a tutte quelle persone che soffrono ogni giorno per queste guerre vergognose e per le menzogne dei nostri governi”.
(AGI) Bal

Condividi l'articolo

 



   

6 Commenti per “Nassiriya, Emanuela Corda (M5S): ricordiamo anche il carnefice kamikaze”

  1. Mano mano , L’ignoranza viene fuori ,basta stimolarli e ne sentiremo delle belle . Corda ( M5S) ha giustificato la mafia perchè in Sicilia c’è la povertà .

  2. Un’ ambulanza per emanuela corda, sta delirando!

  3. Carlo Casaretti

    [commento tagliato] Lo pubblicate o siete caporali?

    • Il caporale è lei!
      Su questa pagina i commenti sono e saranno sempre censurati. Non lo riteniamo affatto una limitazione alla vostra libertà, ma un nostro sacrosanto diritto, per cui non ci facciamo scrupolo di cancellare, né di bloccare utenti che arrivano qui solo per disturbare, contraddire e offendere.

      Questa è il nostro sito e abbiamo il diritto di scegliere chi, come, cosa e quando pubblicare. I vostri diritti finiscono dove cominciamo i nostri. E cioè esattamente all’ingresso.

      • maurizio dal ceredo

        Si vergogni la CORDA che vada lei a sistemare le cose da quei fanatici..abbiamo gia’ problemi in casa ns che pensi a quelli !!

  4. A che punto arriva il relativismo;chi (s)ragiona così mi fa ricordare la battuta di un film interpretato dal grande Alberto Sordi(il film è”detenuto in attesa di giudizio”),nel quale si trova a essere arrestato con l’accusa di omicidio colposo nei confronti di un cittadino tedesco,tale kaltenbrunner;al che Alberto risponde:”E chi è?Non lo conosco!Ah,ma forse era il tedesco che mi ha riempito di botte durante la guerra;fosse morto per le botte che mi ha dato?”

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -