Integrazione, Kyenge: borse di studio anche a chi non ha cittadinanza italiana

kyenge

11 nov – Per accedere ai bandi delle borse di studio non ci sarà più l’obbligo di avere la cittadinanza italiana, lo ha spiegato oggi il ministro per l’integrazione Cecile Kyenge che si trova a Reggio Emilia per avviare i tavoli di lavoro relativi alla rete “città del dialogo” finalizzati “ad ulteriori azioni strategiche che supportino il lavoro del dialogo interculturale nell’ottica di una politica di convivenza e sostegno delle buone prassi”.

La scomparsa del requisito della cittadinanza italiana per i bandi delle borse di studio nel nostro Paese rientra nella più generale riforma in materia di integrazione allo studio da parte del ministro e che riguarda numerosi aspetti. Un altro capitolo sarà  la riforma della normativa sui rifugiati politici che “è a buon punto” ha annunciato Kyenge, ricordando che l’Italia dovrà recepire tutte le normative europee in merito.

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Integrazione, Kyenge: borse di studio anche a chi non ha cittadinanza italiana”

  1. E le pagherà lei di persona-o come al solito-saranno a carico dei cittadini e contribuenti italiani?

  2. E tu devi recepire che il popolo ITALIANO QUELLO PURO SANGUE, DICHIARA CON FERMEZZA CHE TE NE DEVI ANDARE DALLA POLITICA, IN QUANTO PERSONA NON GRADITA!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -