Confcommercio sbugiarda Letta: è allarme, nessuna ripresa nel 2014

pinocchio

11 nov. – “Il 2014 non sara’ certo l’anno di una ripresa sostanziale”. Ad affermarlo e’ il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, nel suo intervento nella giornata di mobilitazione nazionale per la legalita’. “Non lo sara’ – ha aggiunto – anche per gli effetti di una legge di stabilita’, che se non verra’ corretta in Parlamento, lascera’ di fatto irrisolti i problemi strutturali della nostra economia, e soprattutto non avviera’ quella stagione di riforme – prima fra tutte quella fiscale – che auspichiamo da tempo”.

L’illegalita’ sottrae 17,2 miliardi di euro all’anno al settore del commercio, bar e ristorazione, emerge dalla prima indagine di Confcommercio sulla legalita’, realizzata su dati Istat e Censis. Lo studio, presentato dal direttore Ufficio Studi Confcommercio, Mariano Bella, evidenzia inoltre che il fatturato sottratto al commercio al dettaglio legale nel 2013 dovrebbe attestarsi a 8,8 miliardi di euro, pari al 4,9% del fatturato regolare. Secondo Confcommercio che parla “di stime per difetto”, a causa dell’illegalita’ rischiano di sparire 43.000 negozi regolari all’anno, insieme a 79.000 lavoratori. Il dato dell’illegalita’ nel commercio, ha spiegato Bella, “e’ molto superiore al Sud e nelle Isole rispetto al resto del paese”. Riguardo al settore turistico, bar e ristoranti, nel 2013, il fatturato abusivo nel 2013 dovrebbe attestarsi a circa 5,2 miliardi, il 10% del volume d’affari del settore ( con rischio sopravvivenza per 27.000 imprese e 106.000 occupati regolari).

SANGALLI, TOLLERANZA ZERO CONTRO OGNI ILLEGALITA’

“Siamo in una situazione di allarme rosso e chiediamo, dunque, tolleranza zero contro ogni forma di illegalita’, che si annida anche nelle professioni, nei servizi e nei trasporti”, ha sottolineato Sangalli. “Tolleranza zero la reclamano le imprese, la esige il paese”, ha aggiunto.(AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Confcommercio sbugiarda Letta: è allarme, nessuna ripresa nel 2014”

  1. TOLLERANZA ZERO CONTRO OGNI ILLEGALITA’?
    SANGALLI, dovrebbe sapere che al di la’ di ogni retorica la pressione fiscale si attesta quasi al 70%

    Un recente art. recita.

    Morelli: «Una pressione fiscale a livelli da confisca»

    ..Il nostro 73° posto è causato da due grandi aree: il peso delle tasse, che ha raggiunto livelli da confisca, con il nostro global tax rate arrivato al 68,3%, insieme all’incertezza del diritto e i tempi lunghi della giustizia. Sul fisco, il global tax rate della Germania è del 46,2%, ci sono più di 20 punti di distanza, che da noi gravano in particolare sulla componente lavoro…

    /————/

    In poche parole se non si facesse un po’ di (nero) qualsiasi azienda non potrebbe sopravvivere.

    Questa ormai e’ la realta’, piaccia o non piaccia.

    La TOLLERANZA ZERO CONTRO OGNI ILLEGALITA’ a queste condizioni significa semplicemente chiudere in massa.

    E comunque non manca molto a prescindere. 😉
    Siamo a MENO 25% di produzione industriale rispetto al 2008.

    Dunque.
    Prima si dovrebbero abbassare le tasse a livelli almeno accettabili, POI si potrebbe parlare di tolleranza ZERO.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -