Coldiretti: povertà in aumento, per 4,1 milioni di italiani niente cenone di Natale

natale10 nov. – Salgono a 4,1 milioni di italiani che non possono permettersi pranzi e cenoni a Natale 2013 senza l’aiuto delle Istituzioni, delle organizzazioni o dei singoli cittadini, con un aumento del 10 per cento sullo scorso anno.
E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti, sulla base del ‘Piano di distribuzione degli alimenti agli indigenti 2013, divulgata in occasione del primo baratto della solidarieta’ con la raccolta di vestiti, coperte e farmaci per i poveri in vista del Natale nel mercato degli agricoltori di Campagna Amica realizzato per la prima volta nelle vie dello shopping al centro di Milano in Corso Buenos Aires, da Porta Venezia a viale Tunisia.
Una iniziativa per far conoscere i primati dell’agroalimentare italiano in vista dell’Expo 2015 senza dimenticare i piu’ deboli con la possibilita’ di barattare del buon latte e dell’ottimo pomodoro offerti dagli agricoltori italiani in cambio di vestiti, coperte e farmaci da destinare ai piu’ bisognosi in vista delle festivita’ di Natale, in collaborazione con Fondazione Banco Farmaceutico Onlus e Caritas Ambrosiana. Sul totale di 4,1 milioni di italiani indigenti ci sono ben 428.587 bambini con meno di 5 anni di eta’ che nel 2013 hanno avuto bisogno di aiuto per poter semplicemente bere il latte o mangiare, con un aumento record del 13 per cento rispetto allo scorso anno; ma ad aumentare con un tasso superiore alla media e’ stato anche il numero di anziani, ben 578.583 over 65 anni di eta’ (+14% rispetto al 2012), che sono dovuti ricorrere ad aiuti alimentari.
Accanto al numero di persone in difficolta’ economica anche per mangiare in italia – sottolinea la Coldiretti – e’ aumentata anche la solidarieta’ con un incremento del 22 per cento nel numero di cittadini italiani che hanno aiutato qualcuno dal 2007 al 2012, un incremento maggiore rispetto alla media dei Paesi dell’Ocse.

Il 15 per cento famiglie italiane ha offerto aiuto alimentare ai piu’ bisognosi nel corso del 2013, , ma sono molte le forme di solidarieta’ con cui si esprimono i cittadini in questo difficile momento secondo una analisi Coldiretti/Ixe’. Se il dono alimentare e’ la forma piu’ diffusa di sostegno, il 10 per cento dei connazionali .- conclude la Coldiretti .- dichiara di aver prestato denaro a parenti e amici piu’ del passato, l’8 per cento di fare piu’ volontariato e la stessa percentuale (8 per cento) di aver aumentato le donazioni in denaro, mentre il 7 per cento degli italiani ha fatto l’elemosina anche per strada o ai semafori lungo gli incroci. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -