Caso Cancellieri, la compagna di Ligresti ammette: “Amicizia da 40 anni”

cancell1 nov – Un rapporto di amicizia che dura “da oltre quarant’anni”. E’ questo che ha portato Gabriella Fragni, compagna di Salvatore Ligresti, a rivolgersi al ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri per chiedere un aiuto per Giulia, figlia dell’Ingegnere, arrestata lo scorso 17 luglio nell’ambito dell’inchiesta Fonsai.

L’autodifesa del ministro Cancellieri è pietosa

Nel verbale del 20 agosto scorso, in possesso dell’Adnkronos, la donna ascoltata dal magistrato di Torino Marco Gianoglio, come persona informata dei fatti, ha ricordato il legame con il Guardasigilli. La Cancellieri “abitava nella stessa casa di Tonino Ligresti (Antonino fratello di Salvatore, ndr) e col tempo si è instaurata un’amicizia a livello di famiglie ed anche mio personale. Poi io sono originaria di Parma; il Ministro Cancellieri è stato prefetto a Parma e spesso ci sentivamo anche solo per concordare qualche pranzo insieme in qualche nuovo ristorante”, aggiunge.

L’idea di rivolgersi alla Cancellieri nasce “anche a seguito della telefonata, molto affettuosa, che lei mi ha fatto lo scorso 17 luglio”, a poche ore dagli arresti della famiglia Ligresti. Salvatore Ligresti “è persona buona, ha aiutato moltissime persone…è persona molto umana, generosa”, racconta la convivente. Alla domanda se l’Ingegnere possa aver aiutato anche il Guardasigilli, la Fragni replica: “Non lo so proprio”.

“Annamaria Cancellieri è persona che conosco come assolutamente corretta e pulita, che non farebbe mai nulla controcorrente o, meglio, contrario ai suoi doveri istituzionali”, è la difesa a tutto campo di Fragni che ricostruisce la telefonata “molto affettuosa” intercorsa con l’amica Guardasigilli la quale “ha solo detto che ci era molto vicina; insomma non ha fatto altro che ricordare il nostro rapporto che durava da tempo”.

“Il senso della sua chiamata era una umana manifestazione di affetto e proprio in ragione di ciò volevo valutare la possibilità di chiedere un suo intervento, pur sempre in ambito di correttezza su ciò che era possibile fare, valutando le condizioni di Giulia Maria”, che detenuta a Vercelli rifiutava il cibo da giorni. Una richiesta di aiuto, dopo alcuni tentativi senza esito, che avviene attraverso Antonino Ligresti, fratello di Salvatore, “perché anche lui ha rapporti diretti con Annamaria Cancellieri, in ragione della loro pluriennale conoscenza e frequentazione (ovviamente gli ultimi periodi coincidenti con gli impegni istituzionali hanno diramato la frequentazione, ma non la natura del rapporto)”, evidenzia. “Non mi aspettavo un’iniziativa particolare da parte del Ministro, anche perché lei nel corso di quella telefonata del 17 luglio scorso era stata chiara per quanto mi riguarda, nel senso che lei stessa non sapeva bene che cosa avrebbe potuto fare”, conclude.

pelusoLa vicenda assume toni piu’ loschi se pensa che il manager Piergiorgio Peluso, figlio del ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, ha incassato 3,6 milioni di euro di buonuscita dal gruppo assicurativo Fonsai, dopo esserne stato direttore generale per soli 14 mesi. Nella generosa distribuzione di prebende che le società italiane sono abituate a perpetuare – a dispetto della crisi – ai loro top manager, la vicenda di Peluso ha tutti i requisiti per battere ogni record.

Ecco la penosa lettera di autodifesa del ministro, un insulto all’intelligenza degli italiani



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -