Droga: 12 coltellate al rivale, arrestato marocchino a Bologna

arrestBologna, 30 ott. – Una ‘guerra’ tra bande rivali per il controllo del territorio e per assicurarsi la vendita al dettaglio di droga: e’ lo scenario della violenta aggressione che ha portato all’arresto di un marocchino di 23 anni, clandestino e senza fissa dimora, accusato di tentato omicidio aggravato per aver inferto dodici coltellate ad un tunisino 30enne.

I fatti risalgono al 23 marzo del 2012 quando scoppio’ una rissa all’ex manifattura tabacchi di Bologna tra i due gruppi antagonisti.La vittima, a lungo in pericolo di vita e ‘salvata’ da una delicata operazione chirurgica, fu colpita con diversi fendenti alla gambe, al torace, alle braccia e alla testa. Gli uomini della squadra mobile arrestarono, pochi giorni dopo il fatto di sangue, uno dei due aggressori: un tunisino 31enne (all’epoca dell’episodio) senza regolare permesso di soggiorno. Fu identificato anche il secondo protagonista ritenuto l’autore materiale delle coltellate.
Questi, pero’, si rese irreperibile, allontanandosi probabilmente dal capoluogo emiliano, e nei suoi confronti era stata emessa dal gip di Bologna un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Il marocchino e’ stato riconosciuto ed arrestato, ieri pomeriggio in via delle Moline nel centro di Bologna, dagli agenti della quarta sezione della mobile durante un servizio di controllo del territorio finalizzato al contrasto di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo, con precedenti per spaccio di droga e resistenza a pubblico ufficiale, era destinatario anche di un ordine di carcerazione per tentato furto in abitazione (risalente al 2010) emesso dal tribunale di Venezia.

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Droga: 12 coltellate al rivale, arrestato marocchino a Bologna”

  1. Mandatelo al quel paese!!!!!!!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -