Roma, cittadini esasperati: emergenza nomadi, furti, rapine, ubriachezza e molestie

nomadi20 ott – «Furti, rapine e zero sicurezza. Per non parlare dell’emergenza nomadi». Alla Magliana, la tensione è ormai alle stelle, i residenti sono esasperati. Il bivacco nelle vie del quartiere, da via Greve fino alla pista ciclabile lungo il Tevere, l’occupazione delle rive golenali fino al viadotto, e lo stazionamento giornaliero di gruppi di trenta, quaranta persone davanti ad attività commerciali e supermercati sta creando un clima di agitazione e nervosismo in tutta la zona.

E pochi giorni fa, dopo l’omicidio di un giovane romeno, accoltellato per pochi euro durante una partita a carta con i suoi compagni, i cittadini del quartiere, sono scesi in strada per dire «basta». Soprattutto «basta nomadi, basta degrado, basta carrelli e rovistaggio – dicono dai comitati di quartiere – basta discariche fonderie abusive sugli argini del Tevere, basta prepotenze subite da donne, anziani e commercianti, basta angherie vero i ciclisti».

DENUNCE
«Le denunce sono all’ordine del giorno – dice il consigliere regionale Fabrizio Santori – La Magliana sta diventando un quartiere impraticabile. I marciapiedi sono trasformati in veri e propri accampamenti, gruppi di persone passano intere giornate con arroganza davanti alle attività commerciali con comportamenti davvero spiacevoli. Per non parlare degli autobus dove la fanno da padroni». A puntare il dito sulla situazione sono anche gli utenti della linea 128 dell’Atac, che da settimane si dicono ostaggio dei rom. «Siamo costretti ogni giorno a subire atteggiamenti aggressivi e vergognosi – racconta Marina Carboni, che ogni giorno prende questo bus – gruppi di ragazzi se la prendono spesso con anziani e donne sole. L’accattonaggio minorile ha raggiunto situazioni impossibili». «Bisogna intervenire in maniera sollecita e determinata potenziando gli uomini a disposizione del XV Gruppo della polizia municipale – aggiunge Santori – provvedendo a posti di polizia fissi e mobili nel quartiere».

NEGOZI CHIUSI
«Proprio su via della Magliana – raccontano dei proprietari di attività commerciali – alcune persone sono state costrette a chiudere i negozi. Sfido chiunque ad avere una attività dove ogni giorno gruppi di venti, trenta persone passano l’intera giornata ubriachi a disturbare i clienti, che con il passar dei giorni diminuiscono sempre più. Se le istituzioni non intervengono potrebbe succedere davvero l’irreparabile». C’è paura. Un senso di insicurezza diffuso e il timore di uscire la sera. I furti in appartamento e gli scippi, le aggressioni ripetute, la stanchezza è tanta. «Ci hanno lasciati soli», denuncia esasperata Marianna, che da qualche anno ha avviato un’attività nella zona. «La situazione ormai è fuori controllo. Ma non ci dicano che siamo razzisti: qui ci sono molti stranieri, integrati e rispettati». E aggiunge: «Questo è un bel quartiere vicino a tutto si potrebbe stare davvero bene, se ci fosse più attenzione».

messaggero



   

 

 

3 Commenti per “Roma, cittadini esasperati: emergenza nomadi, furti, rapine, ubriachezza e molestie”

  1. Prima il 60% dei romani votano Marino e poi si lamentano? BEN GLI STA!

  2. E va buò il sindaco Marino fece pure il cartello DAJE, adesso chi l’ha votato aredaje

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -