Terza Lettera Aperta di un Cittadino Ungherese al Popolo Italiano

In attesa della Manifestazione Nazionale del 23 Ottobre a Budapest in sostegno del Governo Orban, contro l’usurocrazia internazionale ed europea

“Qui Ungheria” – di Andras Kovacs , Budapest

orban

Gentili Italiani vi scrivo questa terza lettera aperta e come sempre vi invio delle informazioni riguardanti l’Ungheria utili magari a risvegliare il comune senso di responsabilità nella comune lotta contro l’usurocrazia! Nel 2010 – come noto – Viktor Orban ha preso le redini del governo ungherese  vincendo con i 2/3 le elezioni politiche. Come vi ho scritto tempo addietro (vedi allegati) la sinistra ha lasciato al nuovo capo del governo una brutta situazione: vedi, ad esempio, l’inciucio con l’FMI, in seguito al quale l’Ungheria aveva contratto un mare di debiti, obbligazioni che ora Orbán ha estinto ottenendo, in aggiunta, come noto, la chiusura dell’ufficio di Budapest del Fondo Monetario Internazionale, che è stato costretto ad esporre all’esterno della sua ex-sede, il cartello “Closed”.

 I Disastri del Socialismo        

Prima dell’avvento di Orban l’economia era stata ridotta a livelli davvero critici e il viver quotidiano per la popolazione era davvero problematico per via di misure recessive, come il blocco delle tredicesime; l’abbassamento delle pensioni e degli aiuti per sostenere le famiglie. Durante il “dominio” della sinistra la corruzione era molto diffusa e molto rilevanti e gravi sono stati gli accordi con la mafia e le ingerenze per riuscire a vincere le elezioni politiche. Ancora oggi le pressioni per ritornare al potere e vincere le elezioni con queste particolari modalitá, non mancano.

 I Miracoli e il Buon Governo di Viktor Orban       

Ma la popolazione ungherese non é stupida ed ha percepito la svolta imposta da Orban, che spesso – in occasioni di decisioni particolarmente delicate – non esita a chiedere consiglio e opinioni alla popolazione. I risultati non si sono fatti attendere: le spese generali medie-mensili delle famiglie – bollette di luce, acqua, gas – sono state abbassate dal primo dell’anno del 10% e adesso ancora di un altro 10%. Spese e costi energetici che ai tempi del governo socialista erano lievitate magicamente di quindici volte. Ma altri sono gli esempi del buon governo di Orban: le tasse sull’immondizia e della pulizia dei camini sono state abbassate del 10% e adesso il governo ha pensato a nuovi sgravi in favore degli indigenti, costretti a riscaldarsi solo con la legna e/o il carbone, aiutandoli fattivamente abbassando il prezzo di queste materie prime da combustione. Inoltre sono state alzate le pensioni e per le famiglie numerose l’Iva può oggi essere scaricata. Orban, oggi, aiuta chi ha contratto debiti in valuta estera; ha pagato al corpo dei pompieri tutti i soldi che gli spettavano – arretrati – accumulati in piú anni e non ancora pagati quando al capo del governo c’era la sinistra. Orban, rigettando indietro l’usurocrazia internazionale, ha poi alzalo lo stipendio di insegnanti, medici e infermieri, aiutando altresì le famiglie colpite da disastri naturali (alluvioni) costruendo in breve tempo nuove abitazioni. Ma non finisce qui! Orban ha tassato le multinazionali – che in Italia, ricordiamo, spesso non pagano Iva, che corrispondono al 4% nei paradisi fiscali come il Lussemburgo – e ha tassato in maniera esemplare le banche; ha dimezzato i rappresentanti parlamentari e ha iniziato a riacquisire i gradi complessi aziendali che un tempo erano ungheresi e che i socialisti hanno svenduto ai privati con subdole strategie ai tempi del loro governo.

 Strategie Intimidatorie  – La “decapitazione del fantoccio”     

Per tutto questo il capo del Governo,Viktor Orbán, ha combattuto fortemente e si é trovato piú volte nel mezzo dell’occhio del ciclone della politica internazionale. Ma il momento è particolare e – come noto – tra sei mesi ci saranno le nuove elezioni politiche e i socialisti hanno già da tempo iniziato le loro manifestazioni, come quella svoltasi poche settimane fa, nella quale hanno riprodotto sarcasticamente una statua in materiale plastico di Orbán, tagliandogli poi la testa in modo brutale. Questo folle episodio è stato, tuttavia, disapprovato anche da alcune frange della stessa sinistra. Anche per questo motivo noi Ungheresi il 23 ottobre scenderemo nelle strade di Budapest a manifestare tutto il nostro appoggio al nostro premier. Manifesteremo, ovviamente, in maniera composta e pacifica, stando vicino al nostro capo del governo e appoggiandolo e sostenendolo a stragrande maggioranza.

 Invito a Budapest          

Gentili Italiani, conscio della gravissima situazione che afflige il vostro Paese – vittima dell’usurocrazia – vi invito di cuore, nel limite del possibile, a partecipare assieme a noi alla manifestazione di Budapest. Venite al fine di poter comprendere e cogliere di persona la situazione che c’é quí da noi. Vi auguro che anche da voi la situazione possa cambiare. Forza Orbán, Forza Ungheria, Forza ungheresi, Forza Italiani!



   

 

 

2 Commenti per “Terza Lettera Aperta di un Cittadino Ungherese al Popolo Italiano”

  1. PER GLI ITALIANI è SOLO PURA UTOPIA CHE UNA PERSONA POSSA ESSERE COME ORBAN….

  2. in Italia è fantascienza!! I politici italiani sono TUTTI CORROTTI E MAFIOSI. Anche se di ideologie differenti, si aiutano tra loro per non perdere la poltrona. In Italia purtroppo non c’è via d’uscita. L’Italia è una Nazione ingovernabile.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -