Migliaia di cristiani siriani chiedono la cittadinanza russa

SIRIA17 ott – Circa 50mila cristiani siriani hanno chiesto la cittadinanza russa, col timore di “essere banditi dalle proprie terre, per la prima volta dalla nascita di Cristo”. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri russo, pubblicando sul suo sito internet l’appello collettivo del gruppo di siriani di Qalamoun, dove si concentrano i villaggi a maggioranza cristiana, come quello di Maaloula, vittima di violenze mirate, da parte di Al-Nusra, gruppo legato ad al-Qaeda. I firmatari puntano il dito contro l’Occidente, che appoggia “l’attacco da parte dei terroristi” contro la Siria: la Federazione russa è di conseguenza definita “un potente fattore di pace e stabilità”.

Siria: ribelli devastano il villaggio di Maaloula, chiese distrutte e cristiani uccisi

“Visto che la legge siriana permette la doppia cittadinanza, abbiamo deciso di chiedere quella della Federazione russa, un onore per ogni cristiano siriano che desiderasse ottenerla”, si legge nella lettera.  “Il nostro appello non significa che non ci fidiamo dell’esercito siriano o del governo – scrivono – ma siamo spaventati dal complotto dell’Occidente e dai fanatici pieni d’odio che stanno intraprendendo una guerra brutale contro il nostro Paese”.

Patrimonio dell’Unesco, Maaloula dista 40 km a nord di Damasco. Il villaggio è famoso in tutto il mondo come uno dei luoghi simbolo della cristianità in Medio Oriente ed è l’unico luogo al mondo, dove è ancora parlato l’aramaico, il villaggio è considerato un simbolo della convivenza interreligiosa.
“E’ la prima volta dalla nascita di Cristo che noi cristiani della zona di Qalamoun, che viviamo nei villaggi di Saidnaya, Maara Saidnaya, Maaloula e Maaroun, siamo sotto la minaccia di essere banditi dalla nostra terra – denuncia l’appello – preferiamo la morte all’esilio e alla vita in campi profughi e così difenderemo la nostra terra, il nostro onore e la nostra fede e non lasceremo la terra su cui ha camminato Cristo”.

“I cristiani di Qalamoun crediamo che lo scopo dei terroristi appoggiati dall’Occidente sia quello di eliminare la loro presenza da quella che è la loro terra natia e con i metodi più disgustosi, compresa l’uccisione selvaggia di gente comune”, continua la lettera. “Vediamo la Federazione russa come un potente fattore di pace e stabilità – concludono – la Russia persegue una posizione ferma nella difesa della Siria, della sua gente e della sua integrità territoriale”.
L’attacco degli estremisti islamici a Maaloula è diventato un simbolo delle sofferenze dei cristiani nel Paese mediorientale. L’ Osservatorio siriano per i diritti umani, legato alla ribellione, ha confermato la presenza di battaglioni affiliati ad al-Qaeda fra le milizie che hanno invaso la cittadina e  hanno profanato i monasteri di Santa Tecla e San Sergio, distruggendo le croci sulle loro cupole e gli antichi arredi sacri. (N.A/S.C.)

ASIANEWS



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -