Calabria, banca fallisce: depredati i conti dei risparmiatori

Condividi

 

banca16 ott – Sapere che il fallimento della  Banca di Credito Cooperativo di Cosenza è stata favorita dal comportamento spericolato dei suoi dirigenti non mancherà di creare tensione e rabbia nella citta bruzia. Si è conclusa ieri l’inchiesta con l’operazione della Guardia di Fianza definita “Family bank”, la quale ha determinato un ordine di arresto, la denuncia di 38 persone e il sequestro di beni per circa tre milioni e mezzo di euro.

A finire in carcere dovrebbe essere l’ex presidente della Banca Giacinto Ettore Caroselli, uno dei più famosi ginecologi cosentini, il quale è già latitante , poichè condannato in via definitiva per reati di violenza sessuale. Sono più di 20 milioni gli euro scomparsi dai conti dei clienti della banca e erogati in modo allegro e parenti e amici dei dirigenti della banca.

I dirigenti della banca avevano creato, secondo le risultanze dell’inchiesta, un sistema che, attraverso una serie di appropriazioni indebite, avrebbe affossato i conti della banca. Gli ideatori di questo meccanismo criminale sarebbero stati l’ex presidente dell’istituto, in collaborazione con l’ex vicepresidente Giancarlo Tosto, 58 anni, imprenditore originario di Piane Crati e residente a Rogliano, e l’ex direttore generale Eugenio Gallo, 46 anni, per poter concedere prestiti senza garanzie ai loro parenti e a imprenditori. Queste operazioni spericolate hanno determinato un buco di 20 milioni di euro che ha portato la banca cosentina al fallimento.

net1.org

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -