Vicenza: yemenita ucciso dal suocero italiano

ambVICENZA, 15 OTT – 15 ott –  Una litigata furibonda: al suocero  non andava giù che il marito della figlia volesse far assistere anche i bambini al sacrificio dell’uccisione di un agnello. L’uomo si è allontanato da casa ed è ritornato armato di una calibro 22 con la quale ha esploso vari colpi uccidendo il genero yemenita. E’ stato arrestato dopo una ventina di minuti nei pressi del bar Nelson a Saviabona e non avrebbe opposto resistenza.

Secondo una primissima ricostruzione, il suocero di 53 anni non avrebbe accettato la differenza religiosa e culturale del genero. Questo è stato l’ennesimo di molti litigi, finito tragicamente.

Il 29enne, originario dello Yemen, aveva deciso di far assistere i figlioletti al rito di sgozzamento dell’agnello sacrificale, usanza mediorientale che il suocero non aveva accettato e che voleva evitare ai nipotini.

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Vicenza: yemenita ucciso dal suocero italiano”

  1. Non potrei assistere ad una cosa cosi’ cruenta e non indolore senza reagire. Pene molto severe a chi non rispetta la legge. Queste cose da medioevo non devono piu’ esistere. E poi avete mai sentito piangere un agnellino ? E’ come il pianto di un bambino. Che orrore. Sto male solo al pensiero.

  2. In Italia si dice…corna et boi…dei paesi toi….

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -