Rep. Centrafricana: scontri tra ribelli islamici ed esercito, interviene la Francia

seleka

BANGUI – Almeno 60 persone sono state uccise in scontri tra milizie di autodifesa locali ed ex ribelli musulmani Seleka nella zona mineraria di Garga, villaggio 250 chilometri a nord-ovest della capitale della Repubblica Centrafricana, Bangui. Lo hanno riferito fonti ufficiali, precisando che tra le vittime vi sono molti civili, “ammazzati a sangue freddo”. Decine sono i feriti.

La situazione nel paese, poverissimo nonostante le grandi ricchezze minerarie del suo territorio, è sempre più caotica da quando i ribelli Seleka, in marzo, conquistarono la capitale costringendo alla fuga il capo di Stato François Bozizé. Michel Djotodia, presidente di transizione, è riuscito a eliminare gran parte dei miliziani ma non ha pacificato il paese.

In molte località si sono formati gruppi di autodifesa, soprattutto cristiani (dato che la Repubblica Centrafricana è a maggioranza cristiana), che più volte hanno attaccato i ribelli Seleka ma anche i civili musulmani. Da qui le ritorsioni sanguinose degli uomini Seleka, molti originari del Ciad e del Sudan, che attaccano la popolazione civile nei villaggi più isolati uccidendo indiscriminatamente.

Secondo testimoni, a Garga moltissimi abitanti si sono rifugiati nella foresta. “I combattenti Seleka uccidono casa per casa tutti quelli che trovano. È terrore allo stato puro”.

Il presidente Djotodia a più riprese ha chiesto un intervento internazionale rivolgendosi anche, tramite la Francia, al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

La Reuters informa che il ministro degli Esteri Laurent Fabius ha detto che la Francia ha quindi deciso di aumentare la presenza di truppe in Africa centrale, come parte di una prossima risoluzione delle Nazioni Unite, per contribuire a evitare che il paese precipitare nel caos .

Fabius e  il commissario UE per la cooperazione internazionale, Kristalina Georgieva, si sono recati nell’ex colonia francese  a spingere per un’azione più globale. “La situazione in una parola: disperata “, ha detto la Georgieva , aggiungendo che ” l’intera popolazione è colpita dal conflitto.

La Rep. Centrafricana, uno dei paesi più poveri del pianeta, è in profonda crisi dopo che i ribelli hanno deposto il presidente Francoise Bozize, a marzo . Dall’inizio del conflitto , oltre 400.000 persone sono state costrette a lasciare le loro case a causa di atti di violenza quali l’omicidio e lo stupro . ” Abbiamo bisogno di fare umanitario ( di lavoro) , ma anche di ripristinare lo stato , perché se lo stato è andato, signori della guerra stanno andando a prendere in consegna “, ha detto la Georgieva . La Francia attualmente ha circa 500 militari nel paese .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -