L’industria dell’energia a Bruxelles: basta sovvenzioni alle rinnovabili

rinno13 ott – Un coro di proteste dall’industria dell’energia. Dieci amministratori delegati delle maggiori società europee tra cui Enel ed Eni sono giunti a Bruxelles per sollecitare un cambio di direzione e sostenere la competitività.

Daniel Benes, Amministratore delegato di Cez Group:
“Siamo in emergenza. Dobbiamo fronteggiare situazioni vicine al blackout ogni inverno. Quindi sono necessarie soluzioni urgenti”

Il mercato unico è di fatto incompiuto. A causa del prevalere di politiche nazionali i prezzi dell’energia sono aumentati del 17% per i consumatori e del 21% per l’industria negli ultimi 4 anni.

Gérard Mestrallet, Amministratore delegato di GDF Suez: “Non è colpa della commissione europea ma della balcanizzazione delle decisonioni prese da ogni singolo stato membro”.

Gli industriali chiedono di tagliare i sussidi e di tagliare le tasse eccessive sull’energia, affinché i prezzi dell’energia diventino piu’ convenienti.

Johannes Teyssen, Amministratore delegato di E.On:
“Gli interventi e i sussidi a favore delle energie rinnovabili hanno raggiunto livelli intollerabili. Questa industria è oggi il figlio maggiore, non è piu’ un bambino. E non ha bisogno di essere nutrita. Ha bisogno di essere integrata su piu’ ampia scala.”

Il gruppo, che cercherà di incontrare anche direttamente i capi di stato e di governo europei, ha chiesto la creazione di un meccanismo unico di supervisione per l’energia, come quello bancario.

fonte euronews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -