Gli italiani risparmiano pure sull’acqua: consumo -14,5%

acqua14 ott – Gli italiani usano meno acqua. Lo afferma il il ‘Rapporto sulla Qualità dell’Ambiente Urbano’ presentato oggi a Roma dall’Ispra.

Secondo i dati in dieci anni (2000-2011) il consumo domestico di acqua in media è diminuito del 14,5%: città con la riduzione più significativa è Monza (- 48,4%), seguita da Parma (-34,5%) e Piacenza (-31,1%); Messina è quella che, al contrario, ha aumentato maggiormente l’uso dell’acqua in casa (+17,5%). ”Il fenomeno – secondo gli esperti – sarebbe da attribuirsi alla maggior attenzione degli italiani, visto che solo 3 città (Reggio Calabria, Palermo e Messina) hanno adottato misure di razionalizzazione nell’erogazione”.

Pagheremo con le bollette dell’acqua le infrastrutture idriche per l’Africa

L’acqua effettivamente consumata, o meglio pagata, da ogni singolo utente si attesta su 180 litri al giorno per abitante. ”A livello europeo – si legge nel rapporto – è interessante notare che città importanti come Berlino, Londra e Madrid che consumano rispettivamente 163, 159 e 140 litri al giorno per abitante, e riescono a mantenere bassi i consumi mantenendo un servizio adeguato”.

Valle d’Aosta, provincia autonoma di Trento, Abruzzo, Sicilia e Sardegna sono le uniche regioni autosufficienti, mentre la Puglia risulta la più dipendente: più del 60% della disponibilità complessiva da destinare all’utenza finale (circa 333,5 milioni di metri cubi di acqua ad uso potabile) proviene da altre regioni.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -