Gli italiani risparmiano pure sull’acqua: consumo -14,5%

Condividi

 

acqua14 ott – Gli italiani usano meno acqua. Lo afferma il il ‘Rapporto sulla Qualità dell’Ambiente Urbano’ presentato oggi a Roma dall’Ispra.

Secondo i dati in dieci anni (2000-2011) il consumo domestico di acqua in media è diminuito del 14,5%: città con la riduzione più significativa è Monza (- 48,4%), seguita da Parma (-34,5%) e Piacenza (-31,1%); Messina è quella che, al contrario, ha aumentato maggiormente l’uso dell’acqua in casa (+17,5%). ”Il fenomeno – secondo gli esperti – sarebbe da attribuirsi alla maggior attenzione degli italiani, visto che solo 3 città (Reggio Calabria, Palermo e Messina) hanno adottato misure di razionalizzazione nell’erogazione”.

Pagheremo con le bollette dell’acqua le infrastrutture idriche per l’Africa

L’acqua effettivamente consumata, o meglio pagata, da ogni singolo utente si attesta su 180 litri al giorno per abitante. ”A livello europeo – si legge nel rapporto – è interessante notare che città importanti come Berlino, Londra e Madrid che consumano rispettivamente 163, 159 e 140 litri al giorno per abitante, e riescono a mantenere bassi i consumi mantenendo un servizio adeguato”.

Valle d’Aosta, provincia autonoma di Trento, Abruzzo, Sicilia e Sardegna sono le uniche regioni autosufficienti, mentre la Puglia risulta la più dipendente: più del 60% della disponibilità complessiva da destinare all’utenza finale (circa 333,5 milioni di metri cubi di acqua ad uso potabile) proviene da altre regioni.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -