Immigrati, UNHCR (Onu) contro l’Italia: “carenze nell’accoglienza, stanziare piu’ fondi”

UNHCR 12 ott – La Commissione per la tutela dei diritti umani ha proseguito l’indagine sui meccanismi di tutela in Italia e nella realta’ internazionale procedendo ad audizioni di He’le’na Behr, senior protection officer, e Andrea De Bonis, protection officer, dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) La Behr ha dichiarato che, nonostante una serie di interventi migliorativi, permangono nel sistema di protezione internazionale italiano alcune criticita’, derivanti in particolare all’emergenza Nord Africa del 2011, che riguardano da un lato il livello della prima accoglienza, dall’altro il successivo passaggio dell’integrazione dei rifugiati nel tessuto sociale.

Dopo aver sostenuto che ”la situazione di sovraffollamento del centro di Lampedusa e del centro per richiedenti asilo (CARA) di Mineo comporta gravissime carenze nell’accoglienza, ha detto che l’assegnazione della gestione dei centri basata non su standard qualitativi ma su gare a ribasso ha comportato negli ultimi mesi un peggioramento delle condizioni di vita all’interno dei centri.

Immigrazione: stanziati 210 mln di euro, piu’ diritti per i rifugiati

Ha poi messo in luce la media italiana di domande di protezione presentate e’ di 20.000 con picchi nel 2008 e nel 2011 di circa 30.000. Nel 2012 sono state presentate 17.000 domande e da gennaio a giugno 2013 la cifra e’ di 11.000. Di queste in media ne vengono accolte il 40-50 per cento. Per dare un’idea delle dimensioni del fenomeno in altri Paesi europei basta pensare – ha aggiunto – che la media delle richieste in Germania e’ di 65.000, e in Francia di 55.000.

L’Italia ha speso oltre 570 milioni di euro per l’emergenza Nord Africa

Andrea DE BONIS ha precisato che la cifra media pro capite per gli ospiti del CARA si aggira attualmente intorno ai 30 euro ( In realtà sono piu’ di 40 euro e 80 per i minori, ndr), ma non sembrano essere sufficienti per un’accoglienza adeguata. Nell’audizione sono intervenuti anche , Maurizio Molina, dell’UNHCR, Alessandra Diodati, della Croce Rossa Italiana, Simona Moscarelli, dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, Carlotta Bellini, di Save the Children e Francesco Rocca, presidente della Croce Rossa Italiana.

Le coop, le assunzioni, le truffe e il business degli immigrati in Sicilia

Business dell’accoglienza: L’emergenza sbarchi comporta un giro vorticoso di denaro pubblico

 

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -