Obama toglie la Fed ai repubblicani e nomina la vice di Bernanke

yellen

9 ott. – Janet Yellen, 67 anni,  “e’ una tosta, qualificata e ha avuto un ruolo esemplare nel sostenere la ripresa”. Cosi’ il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha presentato il futuro presidente della Federal Reserve che sostituira’ Ben Bernanke (di cui era vice dal 2010.) dal prossimo gennaio. Non è mai stata nei libri paga di grandi banche o hedge fund, cosa di cui invece è stato accusato il suo ex avversario.

Politicamente è di orientamento democratico, ed è la prima volta dopo quasi 30 anni che i repubblicani perdono la presidenza della Fed (cioè fin dalla nomina di Alan Greenspan da parte di Ronald Reagan nel 1987).

“Janet capisce il costo umano ed economico della disoccupazione”, ha tenuto a precisare Obama ribadendo che il rilancio del mercato del lavoro resta la sfida piu’ importante e la priorita’ dell’amministrazione Usa. Obama ha tenuto a ricordare come la Yellen sia stata tra le prime a presagire la bolla immobiliare Usa. “Non voglio dire che abbia la palla di cristallo – ha scherzato il presidente – ma di sicuro capisce come funziona il mercato. E’ brava a costruire consenso ed e’ molto considerata anche all’estero”.

“Occorre fare di piu’ per rafforzare la ripresa”. Lo ha detto Janet Yellen, accettando ufficialmente la nomina come futuro presidente della Federal Reserve alla presenza di Obama durante una cerimonia nella East Room della Casa Bianca. Sara’ la prima donna della storia Usa a guidare la Banca Centrale.

La Yellen si e’ dichiarata “onorata” per la nomina e si e’ impegnata a ripagare la fiducia. Ha reso omaggio al suo predecessore, Ben Bernanke, per il lavoro svolto ma ha ribadito che la strada della ripresa e’ ancora piena di ostacoli, “soprattutto per coloro che sono stati maggiormente colpiti dalla grande recessione”.

Il futuro numero uno della Fed si e’ detta favorevole ad un vigoroso dibattito all’interno dell’istituto centrale ma la risposta, ha avvertito, deve essere unanime”. La Yellen e’ considerata una “colomba”, cioe’ favorevole agli stimoli monetari. La nomina della democratica Yellen dovra’ essere approvata dal Senato dove la maggioranza e’ in mano ai Democratici e pertanto il via libera sembra scontato. “Se il Senato approvera’ la mia nomina faro’ di tutto per promuovere il massimo dell’occupazione – ha affermato – assicurare la stabilita’ dei prezzi e stabilizzare il sistema finanziario”.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -