Lettera aperta di Sonia Fregolent, Sindaco di Sernaglia

fregolent

10 ott – LETTERA APERTA DEL SINDACO FREGOLENT

Il Sindaco di Sernaglia interviene sugli argomenti caldi del giorno sollevando dubbi e perplessità sul modo di intendere la politica negli alti vertici ponendosi dalla parte dei cittadini. Dopo il messaggio del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, sulle carceri, ecco la lettera aperta della dott.ssa Sonia Fregolent che non manca di far riflettere.

Ascolto, basita e incredula, quelli che dovrebbero essere i rappresentanti dello Stato che propongono amnistie, indulti, asili politici (evidentemente la precedente esperienza non è stata sufficiente) e mi chiedo: «Sono io che non riesco più a comprendere in quale direzione questo Paese sta andando oppure sono loro che vanno alla rovescia?»

«Le istituzioni e la nostra opinione pubblica non possono e non devono scivolare nell’insensibilità e nell’indifferenza, convivendo – senza impegnarsi e riuscire a modificarla – con una realtà di degrado civile e di sofferenza umana come quella che subiscono decine di migliaia di uomini e donne reclusi negli istituti penitenziari» afferma il nostro insigne Presidente della Repubblica.
La pena, che è la conseguenza giuridica di un reato, dev’essere sicuramente rieducativa ma, prima di tutto, dev’essere certa, determinata e punitiva per il male provocato dal colpevole con la propria azione illecita.

Chi si trova in carcere, nella maggior parte dei casi ha commesso un reato. Non è lì perché si è comportato da buon samaritano ma perché ha tenuto un comportamento a cui l’ordinamento italiano, riconoscendolo antigiuridico, ricollega una sanzione penale. Per quale motivo la gente non dovrebbe rubare, truffare, rapinare se tanto poi interviene un’amnistia o un indulto? Come può la gente sentirsi sicura per le strade, nelle proprie case se coloro che derubano, picchiano, rapinano hanno più diritti della gente onesta? Mi chiedo e vi chiedo: «Con quale coraggio i nostri politicanti potranno guardare negli occhi quell’anziano derubato per strada, quella famiglia rapinata in casa e dirgli: “è ingiusto che questi detenuti stiano in carcere perché non hanno abbastanza spazio”?»

Sicuramente la mia posizione sarà vista come rigida e inflessibile ma io credo che chi sbaglia debba pagare e se c’è un problema di sovraffollamento delle carceri si debba rimandare nel Paese di origine lo straniero che delinque, concludere la realizzazione di quelle carceri finanziate con soldi pubblici, i cui lavori non sono mai stati terminati o sono inutilizzate, avvalersi dei detenuti per pulire e raccogliere rifiuti. Esisteva una volta il concetto di certezza della pena, oggi invece ci sono tanti politici romani scollegati dalla realtà quotidiana.

Il Sindaco
Dott.ssa Sonia Fregolent



   

 

 

6 Commenti per “Lettera aperta di Sonia Fregolent, Sindaco di Sernaglia”

  1. Brava Dottoressa ce ne vorrebbero a migliaia di Sindaci e Politici come Lei.

    • Ho deciso di andarmene da Roma causa il degrado i sindaci tutti uguali, siamo invasi da extracomunitari clandestini in tutti i semafori x strada fuori nei supermercati benzinai non si salva nessuna periferia e oltre…ammiro chi ha il coraggio di parlare come il sindaco di Sernaglia Sonia

  2. Carissima Dr. Fregolent , parole al vento . Al governo abbiamo una massa di farabutti e incapaci.

  3. Dott. Sonia, il suo pensiero pensia sia l’espressione della maggior parte di Italiani che stanno cercando di sopravvivere rimanendo nella legalità. Io sono d’accordo quando Lei dice che andrebbero mandati al loro paese di origine quando delinquono, ma anche quando arrivano sui barconi, si perché il fatto di essere approdati sulle nostre terre illegalmente già è un atto delittuoso, quindi vanno rispediti ai loro paesi. Non possiamo permetterci di mantenerli quando lo Stato Italiano non ha più le risorse (almeno cosi dicono i politici del momento) per far fronte alle esigenze del popolo Italiano che lavora onestamente e di quelli che il lavoro lo hanno perso. Penso che un po di rispetto per il proprio popolo bisogna averlo, cosa che non avviene a partire dal capo dello stato. Questa gente che entra non ha nessun interesse a far del bene a noi, tanto un giorno se ne ritorneranno a casa loro dopo averci sfruttato fino all’ultimo e dopo averci anche deriso perchè ci considerano un popolo di me@@a

  4. Parole ovvie di persona di buon senso. I politici nazionali DEVONO essere esiliati per i danni colposo/dolosi che stanno causando alla società.

  5. Ho tre figli, quando combinavano qualche guaio, avevano la certezza di una punizione. Quando, invece, svolgevano bene i loro piccoli incarichi, venivano premiati. Forse questo è un sistema di educazione obsoleto. Dottoressa, è forse questa una delle cause del nostro degrado e permissivismo?

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -