Criminalita’: presunti intrecci politica-mafia-affari nel barese, assolti 5 imputati

toghe10 ott – Sono stati tutti assolti dal gup del Tribunale di Bari Gianluca Anglana i cinque imputati che avevano scelto il rito abbreviato nel processo su presunti intrecci tra mafia, politica e mondo imprenditoriale ad Altamura, in provincia di Bari. Si tratta di Domenico Cicirelli, degli avvocati Vito Zaccaria e Vincenzo Siani e dei carabinieri all’epoca in servizio nella citta’ murgiana, i marescialli Nicola Logiudice, comandante della Stazione, e Massimo Carotenuto. Nel caso di Logiudice, trasferito nel frattempo al comando di Bari, l’assoluzione e’ avvenuta perche’ ‘il fatto non sussiste’.

A chiedere le condanne nella scorsa primavera era stata la pm della Direzione distrettuale antimafia della Procura di Bari, Desiree Digeronimo, successivamente trasferita alla Procura di Roma. Per l‘aggressione al conduttore radiofonico Alessio Dipalo, il magistrato aveva chiesto 8 anni per Domenico Cicirelli e 3 per l’ex assessore comunale ed ex coordinatore locale del Pdl Vito Zaccaria, ritenendoli i mandanti, e 2 anni per il collaboratore di giustizia Vincenzo Laterza, **che è stato assolto nell’ambito dello stesso procedimento.

Incompatibilità ambientale: Pm Digeronimo trasferita a procura Roma

Incompatibilità ambientale: Lettera aperta del Pm Desirée Digeronimo ai Baresi

Era il 2009, un commento alla lettera di Vendola a Desirée Digeronimo

A Cicirelli e Laterza la Procura contestava anche il reato di associazione mafiosa. Per Zaccaria il pm Antimafia aveva gia’ chiesto l’assoluzione dall’accusa di concorso esterno nell’associazione mafiosa.

Per la presunta estorsione nei confronti dell’imprenditore Francesco Dipalo, fratello del conduttore radiofonico, la Procura aveva chiesto la condanna a 8 anni per l’avvocato ed ex consigliere comunale Vincenzo Siani. Condanne a 4 anni e due mesi di reclusione erano state chieste per i marescialli Nicola Logiudice e per Massimo Carotenuto, quest’ultimo ora in servizio presso un’altra Stazione territoriale.

Ai due carabinieri venivano contestati i reati di favoreggiamento personale e false dichiarazioni, per alcune omissioni sull’obbligo di firma da parte del defunto boss Bartolo Dambrosio (ucciso a settembre 2010 mentre faceva jogging sulla Murgia).



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -