Thuram: l’Italia diventi multicolore o avrà problemi in futuro

Thuram

7 ott – ”Parlando con i ragazzi mi sono accorto che sia in Francia che in Italia la prima volta che vengono a contatto con la storia delle popolazioni africane e’ quando si parla di schiavitu’. Questo e’ l’esempio di come il razzismo sia nascosto nella tradizione, nell’inconscio, nel fatto che e’ stato costruito per dare una giustificazione allo sfruttamento.

Dobbiamo far conoscere meglio ai nostri ragazzi la storia, spiegare che c’e’ una cultura che inizia molto prima della schiavitu’. E’ giusto parlare di questo anche in Italia, perche‘ il mondo sta cambiando, l’Italia sta diventando un Paese multicolore, e se non lo fa avra’ dei problemi in futuro”. Il calciatore campione del mondo Lilian Thuram racconta a ”L’Altra Europa’ su Radio 24, in diretta dal Festival di Internazionale a Ferrara, il suo impegno contro il razzismo attraverso la sua Fondazione

Thuram prende la compagna per capelli e la sbatte contro il frigorifero

. Thuram, al microfono di Federico Taddia, commenta anche la questione razzismo negli stadi: ”Io credo che lo stadio sia l’immagine della societa’, il calcio non e’ fuori dal mondo. Dal razzismo nello stadio possiamo capire tante cose. Quelli che fischiano i giocatori neri negli stadi e’ come se dicessero, ”sei un giocatore, sei famoso, hai tanti soldi, ma ricordati che sei sempre un nero, e io sono bianco e saro’ sempre superiore a te’. Questo e’ molto pericoloso, e’ un razzismo anche inconscio, che per chi lo subisce e’ violenza pura. Quando succede ai bambini, questo ne mina l’autostima, gli fa abbassare le loro aspettative sul futuro, e li fa reagire con rabbia a loro volta. Questo non e’ bene per la societa”’, conclude a Radio 24

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -