Cgil: immigrati senza lavoro e in sofferenza

cgil2 ott – Oltre 1,2 mln lavoratori immigrati vivono nell’area della sofferenza e del disagio occupazionale per effetto della crisi che si e’ abbattuta con violenza sul loro lavoro e, piu’ in generale, sulla loro vita. Sono i dati che emergono dalla ricerca presentata oggi e promossa dall’Associazione Trentin-Isf-Ires e dalla Cgil Nazionale, dal titolo ‘Qualita’ del lavoro e impatto della crisi tra i lavoratori immigrati’.

Uno studio che da un lato calcola la platea di lavoratori immigrati ‘parcheggiati’ in quell’area definita della sofferenza e nell’area del ‘disagio occupazionale; e dall’altro riporta i risultati di un’indagine, condotta su oltre mille migranti intervistati, per conoscere gli effetti della crisi, sia sul piano lavorativo che su quello legato alla vita sociale e ai processi d’integrazione. Per il segretario confederale della Cgil, Vera Lamonica, ”mette i lavoratori e le lavoratrici migranti pagano gli effetti della crisi in maniera pesante: sono piu’ disoccupati, piu’ sottopagati e sfruttati, piu’ irregolari”.

La ricerca Trentin-Isf-Ires e Cgil riporta che tra il 2011 e il 2012, il tasso di occupazione degli stranieri e’ diminuito del -1,7%, il tasso di attivita’ e’ rimasto sostanzialmente invariato, mentre quello di disoccupazione e’ aumentato del +2%, passando dal 12,1% del 2011 al 14,1% del 2012. Lo studio misura la consistenza reale del non lavoro, contando gli esclusi dal mondo del lavoro attraverso l’area della sofferenza: gli immigrati in ‘sofferenza’ sono oltre 527 mila (13,7%) e gli italiani quasi 3 milioni e 800 mila (10,6%)



   

 

 

2 Commenti per “Cgil: immigrati senza lavoro e in sofferenza”

  1. Oddio, cosa leggono i miei occhi….
    …Uno studio che da un lato calcola la platea di lavoratori immigrati ‘parcheggiati’ in quell’area definita della sofferenza e nell’area del ‘disagio occupazionale; e dall’altro riporta i risultati di un’indagine, condotta su oltre mille migranti intervistati, per conoscere gli effetti della crisi…
    In questo momento di crisi, mi dispiace ammetterlo, ci sono prima le esigenze di chi essendo italiano dovrebbe avere la priorità. Avete mai sentito un immigrato suicidarsi? Io no!!! Loro anche se perdono il lavoro, hanno nel frattempo mandato soldi nel loro paese d’origine, comprando immobili o terreni.
    Quindi per cortesia evitate di dire che l’immigrato sta morendo di fame, perchè così non è. Loro vivono in 10 in un appartamento, e si possono permettere di mettersi soldi da parte, l’italiano diversamente è abituato a vivere solo nel proprio nucleo familiare, volete proibirci anche questo?

  2. Chissa quando la CGIL si accorgerà degli italiani senza lavoro

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -