Dai campi ai supermercati, cosi’ la mafia fa soldi con l’agricoltura

agri 24 set. – Dai campi ai supermercati il volume d’affari delle agromafie vale 12,5 miliardi di euro (il 5,6 per cento dell’intero business criminale). E’ quanto afferma la Coldiretti, sulla base dell’ultimo rapporto sulle agromafie, nel commentare la confisca di beni mobili e immobili per un valore di oltre 700 milioni da parte della Direzione investigativa antimafia all’imprenditore di Castelvetrano Giuseppe Grigoli, 64 anni, definito il re dei supermercati per il suo ruolo di primo piano nel settore della grande distribuzione.

Le agromafie – sottolinea Coldiretti – investono i loro ricchi proventi illeciti in larga parte in attivita’ agricole, nel settore della trasformazione alimentare, commerciale e nella grande distribuzione. Un’operazione che ha spesso come corollario – precisa Coldiretti – il condizionamento della libera iniziativa economica e la concorrenza sleale. Le imprese agricole e i consumatori subiscono l’impatto devastante delle strozzature di filiera su cui si insinua un sistema di distribuzione e trasporto gonfiato e alterato troppo spesso da insopportabili fenomeni di criminalita’ che danneggiano tutti gli operatori.

L’effetto sono i bassi prezzi pagati agli imprenditori agricoli, che in molti casi non arrivano a coprire i costi di produzione, e un ricarico anomalo dei prezzi al consumo che raggiungono livelli tali da determinare una contenimento degli acquisti. I prezzi dei prodotti alimentari mediamente aumentano dal campo alla tavola di piu’ di 5 volte e all’agricoltore arriva appena il 17 per cento del prezzo pagato dai consumatori. A rischio – conclude Coldiretti – e’ anche la qualita’ e sicurezza con la vendita di prodotti alimentari “spacciati” come Made in Italy ma ottenuti con materie prime importate, spesso di bassa qualita’. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Dai campi ai supermercati, cosi’ la mafia fa soldi con l’agricoltura”

  1. …. e perchè coldiretti , amici del governo e delle agromafie non sta dalla parte degli imprenditori agricoli??? meglio fare le tessere e seguire tutte le pratiche agricole, molto più oneroso VERO??????? VERGOGNATEVI SINDACATI LADRI

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -