La lebbra torna a mietere vittime in India

lebbra22 sett – Nell’indifferenza del governo, la lebbra torna a mietere vittime in India. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) quest’anno il Paese ha registrato nuovi casi di contagio: su 36 distretti, in media vi sono più di 2 casi ogni 10mila persone. Nel 2005 la proporzione era di 1 ogni 10mila: dati confortanti, che avevano spinto le autorità a parlare di “eliminazione del morbo”. Tuttavia, fonti locali di AsiaNews – anonime per motivi di sicurezza – spiegano che “la realtà dei fatti è ben diversa e il governo deve accettarla, se vuole davvero sconfiggere la lebbra”.

Chi lavora con le persone colpite dal batterio conferma la presenza di nuovi casi di contagio. Nel dispensario allestito dallo Swarga Dwar (Porta del Cielo), l’ashram-lebbrosario istituito nel 1983 dal Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime), ogni settimana si presentano in medio due o tre nuovi malati. “Di recente – racconta ad AsiaNews p. Vijaya Kumar Rayarala – abbiamo avuto un bambino, nato in uno slum da genitori lebbrosi. Abbiamo scoperto subito una macchia dietro le spalle, sintomo della malattia. Dopo una cura di sei mesi la macchia è sparita e lui è guarito”.

Altre fonti locali di AsiaNews riconoscono che “per un certo periodo i casi sono diminuiti, ma oggi non è più così”. Il problema della lebbra è che non esiste una vera e propria prevenzione e può venire a chiunque. Povertà, scarsa pulizia, mancanza di igiene, cibo scadente o del tutto assente favoriscono la diffusione del batterio che causa la lebbra. Oltretutto il morbo ha un periodo di incubazione di diversi anni, il che rende ancora più difficile evitarne la diffusione.

“Nelle grandi metropoli come Mumbai – rivelano le fonti – c’è un boom delle costruzioni che ha scatenato una nuova ondata migratoria. Gli imprenditori hanno bisogno di manodopera e dai villaggi moltissime persone si sono riversate in città. Vengono pagate pochissimo, non hanno una casa e quindi vivono sotto i ponti. Non mangiano, e quando lo fanno cucinano all’aperto; respirano polvere e sporco. Molti bambini vengono lasciati soli, perché i genitori devono lavorare. Tutto questo contesto favorisce l’insorgere della malattia, ma quasi nessuno controlla. Poi magari queste persone tornano a casa, ed ecco che la lebbra torna a diffondersi”.

“Il problema – sottolineano le fonti – è che il governo non vuole accettare questa realtà, ovvero che dobbiamo ancora debellare la lebbra. Finché le autorità fingono il contrario, non si può andare avanti e avviare programmi di sostegno. Per i malati, e anche per questi nuovi immigrati”. (GM)

asianews

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -