Induzione e sfruttamento della prostituzione, denunciata nigeriana

nigerianaORVIETO, 19 sett  – Pretendeva 200 euro al mese da alcune sue connazionali – secondo la polizia – in cambio del «permesso» di prostituirsi in una piazzola lungo la statale Umbro-Casentinese, dove lei stessa aveva «esercitato» prima di sposarsi: per questo una nigeriana di 38 anni è stata denunciata dalla polizia del commissariato di Orvieto per induzione e sfruttamento della prostituzione. Indagati, per lo stesso reato, anche il marito della donna, un viterbese di 53 anni, e un’altra nigeriana, di 39 anni.

Secondo quanto riferito dagli agenti del commissariato, la 38enne a luglio ha accompagnato la connazionale nella piazzola, chiedendole 100 euro al mese per occuparla, tornando poi ad inizio agosto, accompagnata dal marito, a riscuotere l’affitto. A settembre, però, tra le due donne è scoppiata una lite violenta sulla possibilità che la 39enne continuasse ad occupaDava in affitto la piazzola dove si prostituiva prima di sposarsire lo spiazzo a 100 euro al mese, visto che altre due nigeriane ne avrebbero versate 200.

La 38enne è stata denunciata anche per minacce aggravate. Una terza nigeriana, 24enne, risultata clandestina, è stata accompagnata al Cie di Roma. messaggero



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -