Kyenge: contro i rom ansia collettiva per colpa dei media (che pubblicano i loro reati)

kyenge18 SETT – presso la Sala Monumentale della Presidenza del Consiglio dei ministri, il ministro per l’integrazione e le politiche giovanili Cécile Kyenge e la vice ministro con delega alle pari opportunità Maria Cecilia Guerra hanno avviato i lavori della Cabina di regia politica che, con le competenze di tutte le Amministrazioni, intende dare impulso all’attuazione della Strategia nazionale per l’integrazione di Rom, Sinti e Caminanti 2012-2020.

L’obiettivo – informa una nota della presidenza del Consiglio dei ministri – è quello di individuare nuove linee di indirizzo delle politiche di inclusione delle comunità rom e sintI.

Nel corso della riunione, Kyenge ha sottolineato come persiste ancora oggi “un’immagine stereotipata delle comunità di Rom, Sinti e Caminanti presenti in Italia perché troppo spesso continuano ad essere alimentati stereotipi ed ansie collettive per i quali deve ammettersi una responsabilità della politica, dei media e, in particolare dei new social media che, come dimostrano i recenti casi di cronaca, impattano direttamente in ambiti strategici come quello della scuola”.

La ministra ha quindi ribadito la necessità di “unire le forze, al fine di assicurare l’adeguatezza delle risorse rispetto agli obiettivi prefissati, di colmare i gaps esistenti, integrando, di volta in volta, le politiche scelte in base alle esperienze e ai bisogni manifesti e, infine, di continuare a garantire un confronto serrato tra tutte le istituzioni su metodologie, priorità e risorse, per l’inclusione sociale delle comunità rom e sinte”. È stata inoltre evidenziata l’esigenza di promuovere, in collaborazione con l’UNAR – Punto di contatto nazionale per l’attuazione della Strategia, “un maggiore coordinamento delle politiche di inclusione di Rom e Sinti in ambito regionale e di favorire lo sviluppo di piani locali di integrazione sociale, d’ intesa con i comuni, oltre allo sviluppo di linee di indirizzo tematico a livello nazionale sui fronti dell’occupazione, della salute, dell’educazione e delle politiche abitative”.



   

 

 

8 Commenti per “Kyenge: contro i rom ansia collettiva per colpa dei media (che pubblicano i loro reati)”

  1. Kyenge dovrebbe ascoltarli.. 😉

    Zingari intercettati telefonicamente: “Venite in Italia, tutti rubano!!” |

    ……..La cosa che stupisce maggiormente sono le telefonate che questi Rom avrebbero effettuato nei confronti di loro amici e parenti residenti all’estero: ”Qui girano i soldi e tutti rubano“.

    Il problema è che se questi reati continuano ad essere impuniti, la situazione diventerà sempre peggiore e sempre più catastrofica…….

  2. Basta con queste ipocrisie!!! Le nostre carceri sono piene di immigrati, ora vogliamo farli passare per santi?? Dobbiamo permettere loro di delinquere e contemporaneamente dobbiamo tacere e lasciarli fare? E’ assurdo quello che dice questa donna! Se questa gente si vuole integrare deve imparare a rispettare le nostre leggi e la nostra cultura visto che li ospitiamo. Invece mostrano solo di essere dei mangiapane a tradimento, vengono a rubare nelle nostre case!!! Più che mettere a tacere i media sui loro reati si dovrebbe seriamente buttare fuori chi delinque!!!

  3. Kyenge, Kyenge, i media riportano solo fatti accaduti, non si inventano il furto, non è che possono dire italiano è entrato in appartamento e ha rubato….se è un rom resta un rom!!!

  4. Cominciamo a rimandare in Congo questa ministra, e i rom insieme a lei!!!

  5. è incredibile, più questi ci fanno male, più mettiamo la testa sotto la sabbia. è patologico ormai.

  6. Ke centrano i media!! I zingari sono ladri e basta! Perke non visita cuesto sito ad esempio? Si riportano TUTTI i reati sensa nessuna discriminazione contro i zignari!! la verita e ke i reati li fano quasi tuti l’immigrati.. gli italiani sono un popolo onesto, altro ke rubano tuti: rubbano loro (e al massimo i comunisti)!!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -