Spionaggio intenazionale, Belgacom: intercettate comunicazioni in Africa e in Medio Oriente

belgacom19 sett – BRUXELLES – Tra i sorvegliati speciali della NSA ci sarebbe stata anche la compagnia telefonica belga Belgacom la quale ha reso noto che il suo sistema informatico è stato vittima di una “intrusione” che, secondo il quotidiano De Standaard, sarebbe opera dell’Agenzia Nazionale della Sicurezza (NSA) con l’obiettivo di intercettare le comunicazioni in Africa e in Medio Oriente. Belgacom possiede Swisscom e il sud africano MTN, e lavora sia su traffico telefonico che su quello internet verso tutto il mondo e in particolare verso l’Africa e il Medio Oriente

Si estende al Belgio lo scandalo Datagate. Secondo quanto pubblicano i quotidiani ‘De Standaard’ e ‘Le Soir’, l’Agenzia nazionale di sicurezza americana (Nsa) avrebbe intercettato le comunicazioni internazionali effettuate dai clienti di Belgacom negli ultimi due anni. Ma la Procura federale – sulla base degli elementi emersi dall’inchiesta avviata dopo la denuncia contro ignoti presentata dalla stessa compagnia telefonica il 19 luglio – si limita a parlare di “un’operazione di spionaggio internazionale che coinvolge un altro Paese”.

“Se questa ipotesi sarà confermata e si tratta effettivamente di spionaggio cibernetico col coinvolgimento di un altro Paese, il governo prenderà le misure appropriate”, ha fatto sapere il premier Elio Di Rupo in un comunicato.

Da parte sua Belgacom in una nota spiega che “nel week-end ha condotto con successo un’operazione che si iscrive in un piano di azione continuo che punta a proteggere la sicurezza dei clienti e i loro dati, ed assicurare la continuità dei servizi” e di aver preso “le misure necessarie per proteggere l’integrità del sistema informatico, e per rafforzare la prevenzione contro eventuali” intrusioni.

Secondo le indiscrezioni apparse sui quotidiani, nei mesi scorsi Belgacom aveva ingaggiato un’impresa olandese, per condurre un’indagine approfondita sui suoi sistemi. Approfondimenti che avevano portato a riscontrare intrusioni digitali nelle infrastrutture. Gli esperti, che nel fine settimana hanno ‘ripulito’ il sistema, avrebbero dimostrato che gli hacker si interessavano soprattutto a Bics, la filiale che gestisce le comunicazioni internazionali. Ed in particolare le comunicazioni con Paesi, come Yemen e Siria.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -