Siria, l’Onu accusa il regime: impedisce ai ribelli di curarsi

ribelli13 set. – Il governo siriano impedisce in maniera sistematica e come “politica” di Stato che i feriti provenienti dalle zone controllate dall’opposizione o vicine ad esse siano curati, con incursioni contro le unita’ mediche, ospedaliere e il personale sanitario. Non solo: i caccia di Damasco colpiscono gli ospedali e anche gli ospedali da campo.

Siria, Arabia Saudita invia 1.300 condannati a morte a combattere per i ribelli

A denunciarlo e’ la Commissione d’inchiesta dell’Onu per la Siria in un rapporto concentrato sugli attacchi ai centri sanitari nel contesto della guerra civile in Siria, attacchi -e’ la denuncia- utilizzati come “arma di guerra”. La Commissione ha divulgato lo scorso mercoledi’ il suo ultimo rapporto generale sulla situazione in Siria tra il 15 maggio e il 15 luglio scorsi, in cui accusa le forze governative e i ribelli per i dilaganti crimini di guerra.



   

 

 

1 Commento per “Siria, l’Onu accusa il regime: impedisce ai ribelli di curarsi”

  1. Tutto questo non può costituire motivo valido per una nuova Guerra Mondiale……Questi Paesi rifiutano la Democrazia…quindi io li lascerei al Destino che si sono cercati !!! è ora di smetterla con il buonismo becero(interessato)

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -