Filippine: scontri tra esercito e separatisti musulmani

filippine

10 sett – Nel sud delle Filippine violenti combattimenti sono scoppiati tra ribelli separatisti musulmani e forze di sicurezza. Gli scontri a fuoco sono iniziati ieri mattina quando 300 guerriglieri del Mnlf (Fronte nazionale di liberazione Moro) hanno assaltato Zamboanga.

Il bilancio è di 8 morti, 24 feriti e 180 civili ostaggi dei guerriglieri. In stato di emergenza ci sono al momento cinque i villaggi di Zamboanga, situata nella punta sud-occidentale dell’isola meridionale di Mindanao. In 48 ore migliaia di evacuati, in centinaia hanno trovato rifugio in uno stadio del posto. “Eravamo accanto alla porta e sentivamo gli spari ” – è la testimonianza di Nhurain Ilamado, una sfollata – “abbiamo deciso di spostarci in cucina, ma il soffitto è crollato.”

Nelle Filippine il governo, che rappresenta la popolazione cristiana, combatte dal 1971 contro gli indipendentisti del “Fronte nazionale di liberazione moro (Mnlf)” che opera nell’isola di Mindanao, a maggioranza musulmana.

All’origine delle violenze l’esclusione del Movimento dagli accordi pace, avviati dal governo solo con la sua frangia più radicale, il Fronte islamico di liberazione moro (Milf). euronews



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -