Il Pd se ne infischia delle sentenze e non riassume il dipendente

epifani-pd

7 sett – Coerenza democratica. Il Pd e il suo segretario, Guglielmo Epifani, storico leader dell Cgil, si schierano dalla parte dei lavoratori a giorni alterni. Anche al Nazareno a quanto pare nei giorni dispari indossano i panni del “padrone”. Lo sa bene Carmine De Guido, funzionario politico assunto con un contratto a tempo indeterminato, è stato licenziato per telefono dal Pd senza nessuna spiegazione. Come racconta il Corriere del Mezzogiorno, De Guido dopo un anno di attese, pacche sulle spalle, rassicurazioni e false speranze ha portato il suo caso al Tribunale del Lavoro. E il giudice gli ha dato ragione, condannando il Pd a reintegrarlo e risarcirlo delle mensilità mancanti. Peccato che al Nazareno abbiano ignorato la sentenza.

Senza lavoro e senza stipendio –
 De Guido non è stato ancora reintegrato e non ha percepito le mensilità pregresse. Il calvario di De Guido comincia nel febbraio del 2012. A licenziarlo è addirittura Ugo Sposetti della direzione nazionale che gli telefona gli annuncia che “è stato fatto fuori”. De Guido non riesce a darsi una spiegazione e prova a chiedere aiuto a Stefano Fassina.  Ottiene qualche rassicurazione, gli dicono che una soluzione sarà trovata e gli consigliano di continuare a svolgere la propria attività. De Guido, quindi, ogni giorno si presenta nella sede di via Capotagliata e lo fa per oltre sei mesi. Ma sul conto corrente lo stipendio non viene più accreditato, così come nessuna novità giunge da Roma. Formalmente De Guido resta licenziato e in più non percepisce più la busta paga.

Ignorata la sentenza –  Nel dicembre del 2012 il dipendente decide di andare in tribunale. La decisione del giudice è arrivata lo scorso 4 luglio: ordina che il lavoratore venga reintegrato nel suo posto di lavoro. Ma a due mesi di distanza dall’ordinanza e ulteriori rassicurazioni, De Guido non ha ancora potuto riprendere posto nel suo ufficio ed è attualmente disoccupato. Al Nazareno continuano ad ignorare la sentenza e i legali di De Guido annunciano un ricorso alla Corte dei Conti. Eppure il segretario Guglielmo Epifani, sul caso reintegro degli operai Fiat di Melfi aveva detto: “Marchionne non può fare così. Non si gioca con la vita delle persone”. A Melfi non si può, a Taranto e al Nazareno sì. (I.S.)

LIBERO



   

 

 

2 Commenti per “Il Pd se ne infischia delle sentenze e non riassume il dipendente”

  1. Buffoni PD…lucrare sempre sulla pelle degli altri…..tanto vi resta poco…….il vento cambierà!!!!

  2. andiamo a votare paghiamo anche 2 euri follia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -