Messina, sacerdote del Kenya ruba gioielli per 100mila euro in chiesa

ruba6 sett –  Si era guadagnato la fiducia dei fedeli e del parroco, per poi rubare gioielli per un valore di oltre 100mila euro. E’ successo nel messinese, a San Nicola di Gioiosa Marea, dove un sacerdote di origine kenyana è accusato di aver sottratto numerosi oggetti d’oro donati dai cittadini alla Madonna delle Grazie.

A metà agosto il parroco della chiesa gioiosana aveva denunciato ai militari un furto di monili, per un valore stimato di oltre 100mila euro. Le immediate indagini, hanno consentito, anche grazie all’ausilio di attività tecniche e di analisi dei conti correnti bancari, di identificare il sacerdote keniano quale autore del furto. Il religioso, nel recente passato, aveva prestato più volte il proprio servizio nel comune, soggiornando presso la parrocchia, e fornendo un supporto alle attività ecclesiastiche della comunità, diventando molto popolare tra i fedeli locali e guadagnandosi la fiducia incondizionata del parroco locale.

I filmati delle telecamere hanno incastrato però l’uomo nell’aprile scorso, quando il sacerdote prima aveva coperto la camera e poi aveva rubato i monili. Circa dieci giorni dopo il furto, il sacerdote aveva fatto rientro a Roma presso la comunità religiosa di cui fa parte ed aveva effettuato una serie di versamenti in denaro contante presso il proprio conto corrente, concludendo le operazioni con un bonifico internazionale di circa 40.000 euro indirizzato ad un parente del suo paese di origine e lasciando subito dopo l’Italia per fare rientro in Kenya.



   

 

 

2 Commenti per “Messina, sacerdote del Kenya ruba gioielli per 100mila euro in chiesa”

  1. Bè adesso mettetegli il sale nel sedere, solo qui nel paese dei balocchi succedono queste cose.

  2. Non è una novità! Da quando vanno in giro preti stranieri è all’ordine del giorno. Nella mia parrocchia abbiamo avuto 2 preti congolesi. Il primo è stato allontanato perchè importunava le ragazzine, il secondo si è fatto dare 30.000 in prestito dai fedeli, li avrebbe dovuti restituire poco a poco….invece è scappato. Ed ora abbiamo il terzo prete congolese che è venuto con tutta la famiglia al seguito, genitori, fratelli e nipotini. La casa canonica sembra diventata un piccolo villaggio per congolesi….staremo a vedere come andrà a finire stavola. Il proverbio dice: non c’è due senza tre.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -