La Kyenge dialoga con i migranti che hanno bloccato la statale 106 per 2 ore

kyengeCrotone, 21 ago. – Il ministro per l’Integrazione, Cecile Kyenge, e’ giunta questa mattina ad Isola Capo Rizzuto per visitare il Centro di accoglienza per immigrati di Sant’Anna, il piu’ grande d’Europa. Kyenge ha visitato anche l’attigua struttura del Cie (Centro di identificazione ed espulsione) che una decina di giorni fa e’ stata resa inagibile in seguito ai danneggiamenti subiti nella rivolta scoppiata dopo la morte di un giovane marocchino.

Durante il suo giro nel Centro d’accoglienza l’auto del ministro Kyenge e’ stata bloccata da una trentina di immigrati ospiti della struttura, gli stessi che ieri mattina avevano protestato lungo la statale 106; gli extracomunitari hanno invitato il ministro, al quale erano stati mostrati la ludoteca, la mensa e altri spazi comuni, a visitare anche gli altri settori del grande centro di accoglienza, in particolare quelli dove sono ubicati i container adibiti ad alloggi. Il ministro e’ sceso dall’auto ed ha dialogato con alcuni degli ospiti, quindi ha accolto l’invito a perlustrare l’intero centro d’accoglienza.

Al Cara di Isola Capo Rizzuto, circa 30 immigrati ospitati all’interno della struttura, avevano inscenato una protesta bloccando per circa 2 ore il lla circolazione sulla statale 106 che passa nei pressi del centro. In seguito all’intervento delle forze dell’ordine, i manifestanti si erano poi spostati sul bordo della strada.

All’origine della protesta, secondo quanto è stato possibile apprendere, i lunghi tempi imposti dalla burocrazia e problemi organizzativi interni alla struttura che ospita quasi 1.500 richiedenti asilo.

Condividi l'articolo

 



   

5 Commenti per “La Kyenge dialoga con i migranti che hanno bloccato la statale 106 per 2 ore”

  1. bisogna fare una bella campagna publicitaria di come è la situazione degli immigrati in italia,poi vediamo se ne vengono ancora cosi tanti,e dobbiamo smettere di dargli soldi e sigarette,solo pane e companatico,piu niente altro.Con i soldi che si danno a un’immigrato,si aiutano le famiglie amantenere gli anziani o a casa o nelle case di riposo,loro hanno piu diritti degli immigrati di godersi una vecchiaia tranquilla dopo una vita di lavoro,loro hanno aiutato a fare l’italia,non i vari mhoamed,kobobo o alibaba’

  2. Poveri immigrati. Avete mai visto la struttura di cui parla l’articolo? Ebbene, si tratta di un carcere in piena regola con tanto di guardie, vedetta e filo spinato. Ogni giorno molti di loro escono per andare a lavorare nei campi e ovunque venga richiesto e la sera rientrano in prigione con sacchi di patate e buste della spesa per potersi cucinare qualcosa. Fermo restando che la Kyenge deve dimettersi perché incapace, questa povera gente chiede aiuto e non è questo il modo. Aiutiamoli in casa loro, è quello che chiedono, qui da noi si sentono malvoluti e sfruttati e hanno ragione, forse la ministra dovrebbe togliersi i paraocchi!

  3. questi migranti vengono fomentati non so da chi. cmq pretendono troppo stessero calmi! dopo quanto gli viene dato pretendono ancora di più. arrivano da noi gli diamo un ottimo soccorso e li accompagnamo nelle destinazioni che si prefiggono in europa e oltre tutto fanno casini!!!!!!!!!!!!! ma la kyenge li difende! calderoli ha detto che assomiglia ad un orango ma non è vero guardate bene e pensate……

  4. ma poteva andare gia con i passaporti vuoti da compilare cosi aveva gia risolto il problema !!!!! passaporti per tutti !!!!!!! w la signora del crodino !!!!!

  5. Venite in Italia scappando dala miseria e dalla guerra, vi vestiamo, vi PAGHIAMO, vi diamo un pacchetto di sigarette al giorno, ma si può sapere che cosa volete? Nessuno vi ha invitato nel nostro paese, pretendete il permesso, pretendete un lavoro (l’taliano sulla propria terra non ce l’ha) pretendete una casa (l’italiano “alcuni” vivono in macchina) fate i selvaggi a casa ns. non portate rispetto verso il popolo italiano, esigete e basta. Non fate altro che lamentarvi, lamentarvi, ma perchè non riuscite a civilizzarvi? Non ce la fate proprio vero? Avere significa anche dare…ma nella vostra zucca vuota tutto questo non riuscite proprio a capirlo…>Imparate a vivere civilmente, portate il rispetto nella vostra terra, solo così le guerre cesseranno!!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -