Il giudice Esposito querela “il giornale”

esposito21 ago – Il giudice Antonio Esposito annuncia che adirà alle vie legali contro “Il Giornale” per la serie di articoli a lui dedicati negli ultimi giorni, contenenti a suo dire “notizie palesemente diffamatorie”.

Nuovo capitolo della querelle tra il giudice della Cassazione Antonio Esposito e Il Giornale. “In relazione all’articolo apparso, con titolo a caratteri cubitali, sulla prima pagina del quotidiano del 20/08/2013 ‘Il Giornale’: ‘Se becco Berlusconi gli faccio…’ , sono, ancora una volta, costretto a smentire, nella maniera più categorica, il contenuto di detto articolo dal momento che, durante la cena cui si fa riferimento, non sono state da me pronunciate le espressioni (che, peraltro, non mi appartengono), riportate sia nel titolo che nell’articolo”.

Così il giudice Esposito, presidente della sezione feriale della Cassazione che ha condannato Silvio Berlusconi nel processo Mediaset, in una nota diffusa dall’associazione Caponnetto di cui è presidente onorario.

“Alla cena, oltre all’attore Franco Nero, erano presenti altri commensali – molto vicini di posto al dottor Esposito che, a sua volta, era distante dall’ospitante – i quali, citati nelle competenti sedi giudiziarie che saranno adite, potranno, sicuramente, smentire che siano state mai pronunziate le espressioni, peraltro volgari, riportate nell’articolo del quotidiano”.



   

 

 

2 Commenti per “Il giudice Esposito querela “il giornale””

  1. Si..basta cercare facilmente trovare.. 😉 …e ascoltare..

    Intervista di Antonio Manzo al Giudice Antonio Esposito:

    ..c’é sempre ‘na valutazione dii fatti, tu …tu non potevi non sapere perché Tizio, Caio e Sempronio hanno ditto che te l’hanno riferito ‘nzomma e allora è nu poco diverso!..
    TRADOTTO IN ITALIANO:
    Tu non potevi non sapere perche’ tizio, caio o sempronio hanno detto che te lo hanno riferito.

    Da sottolineare anche l’anticipazione delle (motivazioni).. via stampa 😉
    E tralasciamo che sto Tizio, sempronio e Caio.. non sono presenti fra le carte, cosi’ come giustamente rileva l’ex Guardasigilli. Nitto Palma, attuale presidente della commissione Giustizia

    .. ove mai nelle motivazioni il relatore dovesse scrivere una cosa del genere incorrerebbe in un “errore di fatto” rilevante ai sensi del 625 bis che prevede un ricorso se nelle motivazioni di una sentenza passata in giudicato vi è un errore..

    Altro che caso Tortora.. !!!

    Berlusconi dovrebbe trasmettere l’intervista del giudice.. come un mantra..a reti unificate prima e dopo i pasti..

    CARI ITALIANI : SONO STATO CONDANNATO PERCHE’:

    …tu non potevi non sapere perché Tizio, Caio e Sempronio hanno ditto che te l’hanno riferito….
    ……..‘nzomma e allora è nu poco diverso!..

    ……… 😉

  2. Di sicuro troverà il giudice che condannerà il Giornale. La magistratura si sta rivelando come peggiore associazione.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -