Egitto: i pro-Morsi uccidono a sangue freddo 25 poliziotti

promorsi

Sostenitori di Morsi, sostenuti da Grillo, dalla Bonino e dalla UE

19 ago – In Egitto è un nuovo giorno di manifestazioni dopo l’annullamento, ieri, del grande corteo di protesta pro-Morsi per ragioni di sicurezza. Intanto non si ferma la conta dei morti: 25 poliziotti sono stati ammazzati questa mattina nel nord del Sinai. Il bilancio ufficiale fornito dal governo e relativo agli ultimi cinque giorni è di 1.000 vittime.

Esecuzione nel Sinai. Gli agenti assassinati stamani sono stati fatti scendere dai due blindati che li trasportavano, fatti mettere in riga e poi uccisi a sangue freddo: lo riferiscono fonti della sicurezza, mentre il ministero dell’Interno aggiorna il bilancio a 25 agenti morti e 2 feriti in gravissime condizioni. L’attacco, in stile jihadista, è avvenuto vicino ad Abu Taqila. I poliziotti provenivano dal varco di Rafah, al confine con Gaza. Gli assalitori hanno inoltre distrutto i bus sparando razzi.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -