Cgia: l’imprenditoria cinese in Italia non conosce crisi (e non paga tasse)

Condividi

 

cinesi18 ago – Nonostante la difficile situazione economica, continua a crescere l’imprenditoria cinese presente in Italia. Nel 2012 ha superato le 62.200 unita’: +34,7% rispetto all’inizio della crisi (2008) e +6,9% se il confronto e’ realizzato con il 2011. Lo rileva la Cgia di Mestre. I settori maggiormente interessati dalla presenza degli imprenditori provenienti dall’ ”impero celeste” sono il commercio, con quasi 23.500 attivita’ (con un buon numero di imprese concentrate tra i venditori ambulanti), il manifatturiero, con poco piu’ di 17.650 imprese (quasi tutte riconducibili al tessile-abbigliamento e calzature) e la ristorazione-alberghi e bar, con oltre 12.500 attivita’.

I negozianti cinesi evadono le tasse, ma non possono essere estradati

Fisco: con Money transfer evasione da 3 miliardi, 1,7 mld solo in Cina

Roma: il 90% dei negozi cinesi non fa scontrini

Mercatone cinese evade un milione di euro

Prato: dalle banche mutui facili solo ai cinesi, senza garanzie

Ancora contenuta, ma con un trend di crescita molto importante, e’ la presenza di imprenditori cinesi nel settore dei servizi alla persona, ovvero tra i parrucchieri, le estetiste e i centri massaggi: il numero totale e’ di poco superiore alle 2.500 unita’, ma tra il 2011 ed il 2012 l’aumento e’ stato esponenziale: +38,8%. In crescita anche il numero delle rimesse: secondo la Cgia nel 2012 sono stati 2,67 i miliardi di euro che gli immigrati cinesi residenti in Italia hanno inviato in patria. Negli ultimi 5 anni l’ammontare complessivo e’ stato pari a 10,54 miliardi (+73,4% la variazione intercorsa tra il 2008 ed il 2012). La Lombardia, con 13.000 attivita’, e’ la regione piu’ popolata da aziende guidate da imprenditoriali cinesi: seguono la Toscana, con 11. 350 imprese; il Veneto, con quasi 7.500 e l’Emilia Romagna, con 6.460.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -