Egitto, vescovo di Giza: nessuna guerra civile, questo è terrorismo

Roger Anis, AP foto - rovine della chiesa evangelica di Malawi

Roger Anis, AP foto – rovine della chiesa evangelica di Malawi

17 ago. – Sono almeno 50 le chiese (copte, cattoliche, ortodosse e protestanti) date alle fiamme in questi giorni in Egitto. E poi sono stati presi di mira anche case, scuole, monasteri e negozi gestiti dai cristiani, da Suez a Minya, da Sohag ad Assiut. Della situazione in Egitto, delle preoccupazioni della popolazione e dei cristiani, parla il vescovo di Giza, monsignor Antonious Aziz Mina che sottolinea come tutto il popolo sia compatto “tranne i Fratelli Musulmani che hanno governato per un anno facendo vedere il peggio di quello che hanno da esprimere”.

La lunga lista di chiese e istituzioni cristiane incendiate dai Fratelli musulmani in 3 giorni

“Le statistiche – continua monsignor Mina a Radio Vaticana – dicono che gli appartenenti al gruppo non sono piu’ di 700 mila. Adesso emerge che sono legati ad Al Qaeda, un’organizzazione terroristica, e anche ad Hamas. Non hanno alcun interesse, ne’ per il Paese, ne’ per gli egiziani, per nessuno. Hanno un unico interesse: quello dei Fratelli Musulmani. In questi ultimi giorni sono state bruciate decine di chiese tra cattoliche, ortodosse e protestanti.

Pensano che, in questo modo, i cristiani entreranno in conflitto con il governo e con l’esercito e pensano dunque di seminare il disordine in tutto il Paese. Invece, i cristiani sono consapevoli che c’e’ un prezzo da pagare per isolare queste fazioni che non hanno alcuna forza ed esperienza politica. La forza che hanno e’ solamente terroristica”.
Monsignor Mina poi conclude: “Non c’e’ una guerra civile! Si parla di guerra civile quando ci sono due fazioni ben distinte.
Se queste fazioni manifestassero pacificamente nessuno direbbe nulla! Invece, vediamo bruciare, torturare, uccidere, distruggere? Non c’e’ una guerra civile!”. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Egitto, vescovo di Giza: nessuna guerra civile, questo è terrorismo”

  1. “Imola Oggi” ,se mi leggi, porta queste notizie direttamente nel sito del sindaco di Milano, di Palermo , dal Sig:,Grasso, dalla Bonino ecc…………..
    Io lo sto facendo. A queste signori che rappresentano istituzioni che dovrebbero difenderci dall’oscurantismo ed invece…………………

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -