Immigrati, Carfagna: la via da seguire non è il rifiuto

carfagna17 ago – “Oggi ne sono sbarcati più di trecento. Ieri altrettanto. L’altro ieri pure. L’Italia, anche – se non soprattutto – a causa dei gravi fatti che stanno accadendo in Egitto, è il crocevia della speranza. E’ la porta d’ingresso principale di sempre più numerosi disperati che affrontano i lunghi giorni della traversata del Mediterraneo, patendo privazioni e sofferenze, per fuggire dal dolore e dall’angoscia”.

Così la portavoce del gruppo Pdl alla Camera Mara Carfagna.

Alfano: “Gli sbarchi NON sono un’emergenza ingestibile”

“Il nostro Paese – prosegue Carfagna in una nota – sta affrontando da solo, senza che l’Europa della solidarietà sia ancora pervenuta, quella che può già considerarsi un’emergenza umanitaria a tutti gli effetti. E di fronte al dramma umano non bastano i gesti di coraggio e di dignità, come quelli mostrati dai bagnanti di Pachino che hanno lodevolmente aiutato i profughi, oppure le istituzionali richieste d’aiuto a un’Europa sorda e cinica. Bisogna dare segnali precisi. Innanzitutto – continua -, pretendendo dall’Ue quell’attenzione che non è mai arrivata, anche a costo di porre veti e ‘fare saltare’ tavoli avviati.

Poi, smettendo di considerare la maggior parte di questa povera gente che sbarca sulle nostre coste come dei semplici ‘clandestini’, autori di un reato. E’ giunto il momento di avviare una seria riflessione sulla legge Bossi-Fini e, piu’ in generale, la disciplina che regola l’immigrazione. La sola repressione è un costo sociale troppo elevato da sostenere nei confronti di chi fugge dalla disperazione. Inviamo questo segnale all’Europa, indichiamo la via da seguire, che di certo non è quella del rifiuto. La negazione genera sempre odio. E l’odio – conclude Carfagna – è il germe della violenza”.



   

 

 

7 Commenti per “Immigrati, Carfagna: la via da seguire non è il rifiuto”

  1. Fortuna D'Antonio

    Smettetela di fumare che il cervello se ne va

  2. ma questa non e’ne’una risposta ne’ una soluzione.
    Il guaio e’ che dove vivi tu, cara Carfagna, questa realta’ non la vedi anzi, probabilmente non sai nemmeno di cosa parli.
    Mi e’ capitato di leggere, ( con beneficio di inventario ) che l’Australia ha ripreso il controllo delle frontiere ( come mi par stia per fare anche la Danimarca)
    E’ coincidenziale che l’articolo dicesse che le autorita’ Australiane avessero presa questa decisione per non diventare come l’Italia o la Francia o l’Europa.
    Questo diceva l’articolo.
    Se riesco a ritrovarlo lo posto per intero.

  3. Avevo dei dubbi …. me li ha tolti …. costei sta bene a sinistra. Se sarà in Forza Italia 2.0 vorrà dire che non hanno bisogno del mio voto …. si tengano il suo.

    • imbecille i partiti di destra sono in sintonia con la sinistra. berlusconi è favorevole all’ immigrazione, non si trova il blocco dell immigrazione nei partiti di destra, ne nella lega, ma in forza nuova

  4. Se vi sentite il cuore tanto buono e umanitario, allora regalate i vostri averi ai poveri e andate a fare i missionari. Ma noi Italiani vi paghiamo per fare i nostri interessi non quelli degli altri. Lo volete capire che non ne possiamo piú, o dobbiamo cominciare una guerra civile?

  5. Carfagna,sei una delusione! Dove li metti tutti coloro che sbarcano sulle nostre coste? Fatti un giro per lItalia e vedi la marea di clandestini che è presente sul territorio.

  6. La lega di stronzate ne dice e ne ha fatto , ma come dargli torto in questo contesto ? Sarebbe un grande presidente di cui essere onorati e orgogliosi ,se parte del costo (270 milioni di Euro ) per mantenere il quirinale venisse usato per questa emergenza !Invece sembra proprio che l’Italia si l’unico paese che si affaccia sul Mediterraneo , vorrei ricordare che il passo che divide i benefattori in coglioni e breve , anche perché su questo mare si trovano i porti ,della Spagna , della Francia ,della Grecia , e della Turchia , ma in campo c’è solo l’Italia ,per poi sentirsi dire che la colpa dei morti in questa attraversata è nostra .

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -