Rodotà: non ci sono condizioni per la grazia a Berlusconi

rodota

16 AGO – “Spiragli per la grazia nella nota di Napolitano? Non ne vedo, non ci sono le condizioni, tra tre anni non so cosa potrebbe accadere, ci potrebbe anche essere una situazione di emergenza umanitaria, ma oggi come oggi no “.

Così Stefano Rodotà, intervistato da Radio Capital, commenta la nota del Presidente della Repubblica. “Napolitano ha escluso che la grazia arrivi motu proprio e poi per la grazia sono fissate condizioni specifiche che fanno perno sul carattere umanitario della decisione”.

Berlusconi non ha i requisiti per la grazia: non è terrorista, non ha attentato lo Stato, non è un assassino, e soprattutto non è comunista!

Ma quali sarebbero questi requisiti, le condizioni per una grazia? Per capirlo andiamo a rivedere i casi di grazia concessa da alcuni Presidenti della Repubblica

Ovidio Bompressi, ex esponente di Lotta Continua, condannato insieme ad Adriano Sofri a 22 anni di carcere per l’omicidio del commissario di polizia Luigi Calabresi. Grazia concessa da Giorgio Napolitano.

Domenico Pittella, ex senatore socialista condannato con sentenza irrevocabile nel 1993 al processo Moro Ter a 12 anni e un mese di reclusione per reati di terrorismo. Grazia concessa da Carlo Azeglio Ciampi.

Ali Agca, condannato all’ergastolo per l’attentato al Papa in Piazza San Pietro il 13 maggio 1981. Grazia concessa da Carlo Azeglio Ciampi.

Vito De Rosa, condannato all’ergastolo nel 1953 per aver ucciso con un’accetta il padre che lo picchiava a sangue. Grazia concessa da Carlo Azeglio Ciampi.

Graziano Mesina, “Grazianeddu”, la primula rossa del banditismo sardo, 62 anni, 40 dei quali trascorsi in carcere. Grazia concessa da Carlo Azeglio Ciampi.

Aldo Orrù, condannato a 23 anni di reclusione per l’omicidio di un uomo a Milano nel 1986. Grazia concessa da Carlo Azeglio Ciampi.

Franco Viezzoli e Giovanni Battista Zorzoli rispettivamente ex presidente e ex consigliere d’amministrazione dell’Enel, condannati per corruzione nel processo di Milano per le tangenti pagate all’azienda elettrica tra il 1986 e il 1992. Grazia concessa da Carlo Azeglio Campi.



   

 

 

2 Commenti per “Rodotà: non ci sono condizioni per la grazia a Berlusconi”

  1. Si riscontra cosi che ciampi ha a cuore i brigatisti, ma non si é fatto remore di affondare una Nazione assieme ai suoi amichetti che presero posto e dialogo sul Britannia…

  2. claudio sabatucci

    Se fate attenzione nell’elenco delle grazie concesse c’è gia la risposta, i “graziati” avevano comunque fatto gia parecchia galera ed erano condannati per reati che li avrebbero tenuti ancora in prigione chi per poco chi ancora per molto…nel caso di B. la situazione è patetica, si chiede la grazia per un condannato che dovrà scontare al massimo un anno di arresti domiciliari…è veramente inadeguato scomodare l’istituto della grazia per una condanna così breve e alle condizioni in cui la sconterà Mr. B. …e si badi bene che non sono ne sono mai stato nemico di B. e credo anche che nei suoi confronti esista in effetti una persecuzione giustizialista ma a questo punto credo che si dovrebbe pensare ad un altro tipo di uscita dalla situazione che si è creata, davvero più seria ed onorevole per Berlusconi e per l’Italia.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -