Immigrati: caso di tubercolosi a Gela, è un 18enne somalo

Condividi

 

tbc12 ago. – “Non c’e’ rischio di contagio ma per scongiurare ogni pericolo, tutti gli ospiti dell’Opera Pia ‘Antonietta Aldisio’ e gli operatori verranno sottoposti ad un test alla tubercolina”. Lo ha detto il direttore del reparto di Rianimazione dell’ospedale “Vittorio Emanuele” di Gela (Caltanissetta), Lucio Antona, dopo il caso di tubercolosi registratosi in una casa di ospitalita’ per immigrati.

L’infezione e’ stata rilevata su un diciottenne di origine somala. “Non ci dovrebbe essere nessun pericolo – ha spiegato il medico – perche’ si tratta di una situazione tubercolare addominale e non polmonare. Le condizioni del paziente sono discrete”. Il giovane, ricoverato d’urgenza in Rianimazione all’ospedale di Gela lo scorso venerdi’, e’ ora in miglioramento.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -