Padre Dall’Oglio sarebbe in Iraq a trattare la liberazione di 2 vescovi

Condividi

 

dalloglio10 ago –  Il gesuita Padre Paolo Dall’Oglio, scomparso da Raqqa in Siria il 28 luglio, avrebbe mandato nei giorni scorsi un messaggio via cellulare a un attivista dell’opposizione al regime del presidente siriano Bashar al-Assad. Nell’sms il religioso avrebbe confermato di “essere ancora presso lo ‘Stato Islamico dell’Iraq e del Levante’ per discutere la questione dei due vescovi rapiti nella Siria settentrionale”. E’ quanto apprende Aki-Adnkronos International da fonti dell’opposizione del regime di Damasco al confine turco-siriano.

I due vescovi a cui si fa riferimento sono il siro-ortodosso Mar Gregorios Yohanna Ibrahim e il greco-ortodosso Boulos al-Yazigi, entrambi di Aleppo. Il loro rapimento, mai rivendicato, risale allo scorso 22 aprile.

Sulla sorte del gesuita italiano il ministro degli Esteri Emma Bonino aveva parlato stamani di “molte voci che si accavallano tra gruppi in guerra tra di loro” che combattono anche attraverso “comunicati e notizie” difficilmente verificabili. Sul gesuita “brancoliamo abbastanza nel buio”, ha sintetizzato il ministro degli Esteri, Emma Bonino.

I servizi segreti italiani non escludono che Dall’Oglio sia in mano ai jihadisti dell'”Emirato di Tel Abiad”, una cellula locale appartenente al cosiddetto ‘Stato Islamico dell’Iraq e del Levante’ legato alla galassia di al-Qaeda.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -