Hacker cinesi “attaccano” un acquedotto statunitense

Condividi

 

HACK6 AGO – A dicembre 2012 il gruppo di hacker cinesi APT1 ha tentato di scassinare il sistema di controllo di una centrale di pompaggio di un acquedotto in America. Il MIT Technology Review ha diffuso la notizia che gli hacker ignoravano che il server non fosse in collegamento con il sistema elettrico dell’industria ma fosse stato avviato dalla Trend Micro per studiare gli attacchi telematici.
Si è riusciti a stabilire la provenienza degli hacker attraverso una serie di script ed altri indizi.

Gli esperti ritengono che il gruppo APT1 sia legato ai reparti speciali dell’esercito cinese, oltre 140 organizzazioni in tutto il mondo hanno subito degli attacchi telematici da parte di questo gruppo, e gli hacker potrebbero aver raccolto in maniera illegale dati per centinaia di terabyte.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -