Sicilia: Comune di Gela, no ingresso con abiti succinti

minigonna5 AGO – In Sicilia è guerra aperta all’abbigliamento sexy o succinto.  Dopo l’iniziativa del sindaco di Lipari contro l’ uso del costume da bagno in giro per l’isola,  ora anche il primo cittadino di Gela, Angelo Fasulo, ha adottato il provvedimento agli uffici della pubblica amministrazione.

Guerra al bikini, a Lipari multe fino a 500 euro

Vietato l’ingresso al Municipio di Gela (CL) a chi indossa abiti succinti e che possano far intravedere parti intime del corpo. Lo stabilisce un provvedimento del dirigente del settore Affari Generali all’ingresso del Palazzo di Città.

Nell’avviso è scritto: l’ingresso è vietato ”agli utenti di entrambi i sessi ed anche ai dipendenti non in servizio, vestiti con costumi da bagno, pantaloncini, bermuda, zoccoli, infradito, canottiere”. I portieri dovranno far rispettare divieto.



   

 

 

2 Commenti per “Sicilia: Comune di Gela, no ingresso con abiti succinti”

  1. BE’ si stanno preparando! con tutti i turisti che stanno arrivando via mare,ma si’ quelli che sono tanti e su ” carrette del mare”,sapete, mica vorranno offenderli!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -