Trapianti di organi, medici minacciati per le liste di attesa

trapiantiPADOVA, 3 ago –  – Cinque persone sono state denunciate dalla squadra mobile di Padova per stalking nei confronti di un primario e della sua équipe medica dell’ospedale cittadino. Il gruppo per almeno quattro mesi avrebbe fatto pressioni sempre più insistenti, fino ad arrivare alle vere e proprie minacce, nei confronti di un gruppo di chirurghi. I cinque, parenti di un paziente ricoverato nel nosocomio padovano in attesa di un trapianto di un organo vitale, avrebbe messo in atto le minacce per convincere il primario e la sua equipe (in tutto almeno cinque persone) a far saltare le lunghe liste d’attesa previste per trapianti di questo tipo.

Nei guai sono così finite due donne di Messina, rispettivamente 46 e 51 anni (le sorelle del paziente), un uomo di Anzio (Roma) di 50 anni (cugino del parente) e due albanesi di 36 e 35 anni (il marito di una delle sorelle e un amico). I provvedimenti, tra cui il divieto di avvicinamento all’ospedale e ai luoghi frequentati dai medici e chirurgi, sono stati emessi dal gip Mariella Fino su richiesta del pm Orietta Canova. (Ansa)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -