2 ladri romeni provocano incidente mortale, Tir nella scarpata

tirTeramo, 30 lug. – E’ di un morto il bilancio del terribile schianto sulla Teramo-mare, in direzione Teramo, avvenuto ieri intorno alle 23. Si chiamava Antonio Fiorito, aveva 28 anni ed era di origini cosentine. Con il suo tir Volvo, per evitare un’Alfa 166 ferma al buio sulla carreggiata, ha sfondato il parapetto del cavalcavia con il carico di pollame schiantandosi nella sottostante scarpata. Fiorito sarebbe stato sbalzato fuori dalla cabina di guida ma le lamiere lo hanno sepolto, ferendolo mortalmente. Il corpo del camionista e’ stato recuperato solo piu’ tardi, intorno alle 3.
La motrice ha preso subito fuoco scatenando l’inferno attorno.

Sul posto 118, vigili del fuoco e polstrada. Dalla notte il tratto della Teramo-mare in direzione Teramo, all’altezza dello svincolo della zona industriale Sant’Atto – San Nicolo’, a Tordino, e’ chiuso. L’Alfa 166 non doveva essere li’. Pare che un primo autotrasportatore fosse riuscito a evitare l’impatto ma non il secondo che transitava seguendo la stessa direzione.

Fiorito, infatti, si e’ trovato improvvisamente di fronte l’auto con targa bulgara e non e’ riuscito a evitare l’impatto, causando la terribile tragedia. Nella notte si accertera’ che a bordo dell’Alfa c’erano due romeni, rimasti illesi, condotti nella notte in questura e risultati irregolari in Italia. Si sono giustificati dicendo di avere l’auto in panne ma in realta’ sono stati visti armeggiare con un carico di refurtiva nel bagagliaio, tra cui pc rubati in un’azienda a Teramo. La stessa vettura era stata segnalata in mattinata.

Probabilmente i due irregolari dovevano effettuare il trasbordo della merce e non si esclude che stessero attendendo un complice. La scarpata e la sede stradale, al momento dell’incidente, erano invasi di carcasse di pollo. Sul posto si e’ mobilitata l’imponente macchina dei soccorsi. Decine di mezzi di vigili del fuoco (autogru, idranti) e diverse pattuglie della stradale per perimetrare l’area disponendo la deviazione obbligatorio e l’interdizione al transito della zona transennata. La stradale indaga a tutto campo mentre il pm Laura Colica ha aperto un fascicolo. La polizia giudiziaria si trova in ospedale, dove e’ stato trasportato il corpo semicarbonizzato di Antonio Fiorito.
I rilievi sono ancora in corso come sono ancora in corso le operazioni di rimozione del tratto di superstrada teatro dell’incidente. Forse il transito tornera’ regolare nella tarda mattina o nel primo pomeriggio. I romeni sono trattenuti in questura.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -