Giallo Imola: la signora Longo avvelenò il marito per gelosia, poi si uccise

longo

29 lug – Una storia da brividi quella dei coniugni Adamo Longo e Carmela Burgo (di 63 e 61 anni), ritrovati senza vita nella loro casa di Imola lo scorso 27 febbraio e che anche dopo l’autopsia, era rimasta una vicenda con diversi lati oscuri. L’ipotesi degli inquirenti è che la moglie, per gelosia, avrebbe avvelenato il marito (consigliere del PDL locale) e che poi si sarebbe tolta la vita: si tratterebbe dunque di un caso di omicidio-suicidio e la Procura sta così per chiudere il caso.

Giallo a Imola: consigliere comunale Pdl e sua moglie trovati morti in casa

IL SOSPETTO DI UN TRADIMENTO DA PARTE DELL’UOMO. La gelosia della Burgo potrebbe essere stata scatenata dai continui viaggi del marito a Milano (più intensi nei mesi immediatamente precedenti alla disgrazia), dove viveva una sua cara amica.

MISTERIOSO IL GAP TEMPORALE TRA IL PRIMO E IL SECONDO DECESSO. Uno dei fattori più strani per gli inquirenti era il lungo lasso di tempo trascorso fra la morte del marito prima e della moglie poi, rivelato dall’ispezione cadaverica: Adamo Longo morì infatti nella notte fra il 23 e il 24 febbraio, mentre la compagna spirò il 26 febbraio. Il loro cagnolino, nel momento del ritrovamento, era ancora vivo.

bolognatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -