Finisce in carcere per produzione e spaccio il medico della crociata pro cannabis

cannabis24 lug – Fabrizio Cinquini, residente a Pietrasanta, è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Querceta per produzione e coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Dopo essere finito agli arresti domiciliari per due volte, la sua crociata per l’uso della marijuana a fini terapeutici, l’ha ora portato in carcere. Fabrizio Cinquini, 50 anni, medico specializzato in chirurgia vascolare, e già al reparto di emergenza territoriale a Viareggio, sarà processato l’8 agosto, per i reati di coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri erano già intervenuti nel giardino della sua abitazione di Pietrasanta lo scorso 14 giugno, poco più di un mese dopo. Il medico coltivava 270 piante di marijuana e un’ingente quantità era in essiccazione. Adesso si trova nel carcere di San Giorgio a Lucca.

Nel 2007, sempre i carabinieri, avevano trovato nella sua abitazione 1167 bustine di semi, accompagante da indicazioni terapeutiche (ad esempio, contro l’anoressia) e controindicazioni (possibili crisi paranoidee reversibili).



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -