Francia: Polizia ferma donna col burqa, insulti e poi la rivolta degli islamici

islam20 lug – Tutto è cominciato con un controllo di routine: un poliziotto francese ha fermato ieri una donna con il velo integrale, l’ha controllata e le spiegato che doveva multarla, visto che il burqa in Francia è stato bandito con una legge nel 2011. Il marito, che accompagnava la donna, ha protestato, prima verbalmente, poi è passato alle mani.

L’episodio è avvenuto a Trappes, una città satellite alla periferia ovest di Parigi, già nel 2005 al centro delle proteste delle banlieue. Dopo l’arresto dell’uomo, anni, diverse centinaia di persone hanno assediato la caserma e tirato pietre e fuochi d’artificio. Davanti al posto di guardia, hanno dato fuoco ai cassonetti. La polizia ha risposto con gas lacrimogeni e durante gli scontri, durati fino a questa mattina, cinque persone sono rimaste ferite, sei dimostranti arrestati.
Il ministro dell’Interno francese, Manuel Valls, ha invitato alla calma e al dialogo: “Le violenze a Trappes non hanno senso”, ha spiegato, sottolineando che “la legge è uguale per tutti”. Allo stesso tempo ha rafforzato la presenza delle forze dell’ordine nella località, nel timore di ulteriori proteste nel fine settimana.


   

 

 

3 Commenti per “Francia: Polizia ferma donna col burqa, insulti e poi la rivolta degli islamici”

  1. Finalmente I francesi usanoleggi che sono uguali per tutti in Francia.Il marito musulmano ha pensato che queste legge non riguarda ai cittadini musulmani.metterlo in prigione per 12 mesi perche’se lo merita avendo usato pugni in faccia al poliziotto che rapresentano le leggi francese….

  2. Il colonialismo Francese ed il colonialismo in genere non e’ che sia stata una bella cosa , ad onore nostro d’altro canto anche i popoli di origine mussulmana sono stati tra i più grandi schiavisti al mondo rifornendo di schiavi anche le colonie inglesi d’America; insomma si può dire che ogni popolo ha i suoi scheletri negli armadi; i francesi avendo concesso a tutti i cittadini delle colonie la posssibilità di diventare cittadini francesi hanno ora la comprova che non si può avere sul proprio territorio una religione che esige una sua legge di vita che nualla ha a che fare con le leggi della repubblica francese e con i francesi autoctoni, per cui a quelle anime pie del nostro paese a tutti quegli ORCHIONI che non hanno capito niente spero che questa semplicissima e banale cosa insegni loro che non si gioca con popoli le cui regole di vita sono regolate dalla sharia perchè prima o poi il conflitto ci sarà e sarà sanguinoso a meno che noi ci sottomettiamo a loro e alla loro setta, cosa che io non farò mai, i nostri sapientoni ORCHIONI , possibile che non si chiedano mai perchè i rappresentanti religiosi di questa gente quando si trovano fuori dall’islam e cioè nelle terre non ancora consacrate all’islam incitino durante la loro preghiera settimanale in moschea a dire alle loro donne di dare più figli possibili ai loro mariti? non ve lo chiedete massa di ORCHIONI BEN PENSANTI E PASSCIUTI DELLA VOSTRA IMBECILLITA POLITACAL CORRECT ? MASSA DI RELATIVISTI ADDORMENTATI QUANTI FIGLI VI POTETE PERMETTERE DI AVERE UNO O DUE, LORO UN MINIMO DI QUATTRO CHE POI VOI COME STUPIDI VOLETE ANCHE AIUTARE A CRESCERE; IN NATURA VI E’ UN BEL ESEMPIO CHE VI INDICO SPERANDO VI RISVEGLI DALLA VOSTRA TRACOTANZA INTELLETUALE; SAPETE COME FA’ IL CUCOLO A CRESCERE I SUOI PICCOLI , VE LO SPIEGO SUBITO : LA FEMMINA INDIVIDUA UN NIDO DI UNA COPPIA DI UCCELLI CHE STA’ PER DEPOSITARE LE UOVA E QUESTA DI NASCOSTO VI DEPOSITA LE SUE UOVA E POI VA VIA, AL RITORNO DELLA COPPIA LA FEMMINA DELL’ALTRA SPECIE DEPONE LE SUE UOVA E LE COVA ASSIEME A QUELLE DEL CUCULO ED ALLO SCHIUDERSI DELL’UOVO ESTRANEO QUESTO DISTRUGGERA’ LE ALTRE UOVA E LA COPPIA IGNARA FARA’ CRESCERE UN FIGLIO CHE NON SARA’ IL LORO, IN PRATICA VOI GRANDI GENII CON LE SCUSE DI DARE DEL RAZZISTA AGLI ALTRI STATE PRECLUDENDO LA VITA AI VOSTRI FIGLI ED IL FUTURO DI ALTRE VOSTRE GENERAZIONI PENSANDO DI FARE DEL BENE CHE SAREBBE COSA NOBILE E GIUSTA SE NON CI FOSSE DI MEZZO UNA RELIGIONE CHE DICE DI ESSERE DI PACE MA IN REALTA’ DA QUANDO ESISTE A COSTRETTO CON LA FORZA MILIONI DI PERSONE A STARE SOTTO IL SUO GIOGO E DI STARE SOTTOMESSI AD UN DIO CHE IN REALTA’ NON HA PROPRIO NULLA DI DIVINO MA HA SOLO PULSIONI E DIFETTI DI TUTTI QUESTI UOMINI . mI DOMANDO COSA ABBIANO LOTTATO A FARE I NOSTRI ANTENATI CONTRO UNA RELIGIONE LA NOSTRA ALLORA PATRIGNA E MATRIGNA LA QUALE A SUO TEMPO UCCISE MILIONI DI PERSONE NEL NOME DI UN DIO SIMILE A QUELLO MUSSULMANO CHE DI DIVINO NON HA PROPRIO NULLA SEMBRA PROPRIO CHE VOI VOGLIATE RITORNARE A QUEI TEMPI. A me personalmente non importa da dove viene una persona e puo avere la propria religione e professarla ma quando questa religione diventa regola di vita quotidiana e questa entra in conflitto con la mia libertà di pensiero ,cerco di non avere nulla a che fare con questo modo di fare , basta vedere cosa fanno alle popolazioni cristiane nei loro paesi questi oltransisti islamici e non mi sembra proprio che gli offrano un ramoscello di ulivo , ed i non credenti non pensino di cavarsela; in una situazione del genere sarebbero i primi a ricevere il sorriso di allah come servizio, se non si sottomettessero all’islam si tratta semplicemente del sacro coranico sgozzamento che negli ultimi anni abbiamo visto di nuovo applicato a molti europei e cittadini del mondo non islamici . Ed ai cittadini islamici dico che sarà anche vero che non tutti voi siete cosi peccato che quando queste cose succedono voi agite sempre in silenzioe non condannate mai i vostri correligionari integralisti.

  3. Piermario peccato che non eri in uno di quegli uovi distrutti dai cuccioli del cucolo.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -