Concordia: Gup accoglie patteggiamenti. 5 condanne. Parte civile: “delusi, assurda disparita’”.

costa concordia nave1Grosseto, 20 Luglio 2013 – Il gup, Pietro Molino, ha confermato le cinque richieste di patteggiamento ha ha inflitto le prime 5 condanne per il naufragio della Concordia.
Nel corso del rito abbreviato, tenutosi questa mattina al teatro ‘Moderno’, il giudice ha stabilito 23 mesi di reclusione per Ciro Ambrosio, 18 mesi per Silvia Coronica, ufficiali di plancia, 20 mesi per Jacob Rusli Bin, timoniere della Concordia, tutti accusati di naufragio colposo, omicidi colposi e lesioni colpose; 30 mesi a Manrico Giampedroni, hotel director della Concordia, 34 mesi a Roberto Ferrarini, capo unita’ di crisi Costa Crociere, a cui sono stati contes .

BOCCIOLINI (PARTI CIVILI), DELUSI DA PENE “Siamo delusi, perche’ si tratta di una assurda disparita’”. Cosi’ Daniele Bocciolini, avvocato delle parti civili commenta il patteggiamento dei cinque coindagati nell’inchiesta sulla Concordia. “E’ il segnale – continua – che dimostra l’atteggiamento avuto in questo processo. E’ un processo monco, dove Schettino e’ stato lasciato solo e questa disparita’ non fara’ bene”. Per Fabio Targa, altro difensore delle parti civili, “nessuno di quanti hanno patteggiato avra’ una pena effettiva.
E’ stata acclarata la teoria che la gerarchia non consentisse di evitare la tragedia”.
“Sono pene da abuso edilizio. E poi danno sette anni a Emilio Fede. Cosi’ l’avvocato Massimiliano Gabrielli, difensore di parte civile (giustizia per la Concordia), commenta le pene inflitte dal gup a cinque degli imputati nel processo per il naufragio della Concordia. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -