Modena: Curia chiede Cig per 25 dipendenti. Origine: Crisi, terremoto e calo offerte.

L'ingresso dell'ostello della Caritas di Roma, oggi 3 febbraio 2012.
ANSA/ GUIDO MONTANIMODENA, 19 LUG – Dopo la Curia di Terni, dove il vescovo Ernesto Vecchi, come un imprenditore in difficoltà gira da una banca all’altra per cercare 23 milioni di euro per ripianare i debiti contratti da una gestione ballerina della Curia di Terni, e siccome la crisi non guarda in faccia a nessuno, colpisce anche la Curia di Modena che per risanare il bilancio pensa di mettere in cassa integrazione un giorno alla settimana i 25 dipendenti. Oggi questi hanno incontrato sindacati e rappresentanti dell’ Arcivescovado; altri incontri la prossima settimana. Come riferiscono i sindacati a minare i conti – il buco di bilancio sarebbe di circa 500mila euro – minori offerte dei fedeli, maggiori richieste di aiuto di cittadini alla Caritas, le spese per le parrocchie colpite dal terremoto.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -