Lettere al Direttore – Lettera aperta all’onorevole Kyenge

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

kyengeLETTERA APERTA ALL’ONOREVOLE KYENGE

Gent.ma Signora Kyenge,

se Lei fosse un primate, noi, nell’esiguo spazio di espressione concesso dal regime per il quale Lei lavora, non avremmo la minima esitazione a indicarla come tale. Denunceremmo tra le altre cose la singolare presenza di un quadrupede peloso nel gia’ affollato serraglio del consesso parlamentare ponendo interrogativi legittimi se non addirittura esprimendo una vibrante protesta.

Lei  pero’ e’ una donna, una donna  di colore Signora Kyenge, una Congolese, una Africana. Una donna colta secondo i parametri di un continente con il quale noi cerchiamo di avere un approccio che abbia un senso contemporaneo, geopolitico, intellettuale. Non troviamo il becero insulto costruttivo e neanche efficiente come arma di confronto, soprattutto quando parte da un nemico secessionista della Nazione Italia. Preferiamo l’accusa nuda e cruda e sempre basata su considerazioni precise e circostanziate. L’accusiamo quindi di colpe che tenteremo di illustrarLe e perseguiamo la forma di tale accusa in modo che Lei comprenda tra le altre cose delle differenze sostanziali sotto il profilo umano nella Nazione che, oltre ad ospitarla, Le ha concesso una carica istutuzionale, la stessa che Lei oggi usa per colpire in maniera diretta il nostro Popolo.

Lei  Signora e’ un ministro di questa Repubblica che “subiamo” da quasi sette decenni e in questo interminabile e penoso lasso di tempo, abbiamo visto cose che Lei puo’ agevolmente comprendere perche’ nel suo paese che una volta si chiamava Zaire, il regime di Mobutu Sese Seko mostro’ al mondo quanto un abuso puo essere eccentrico e quanto  un popolo, in cambio di una ciotola di “Manioca”  e’ disposto ad accettare. Quando l’esploratore/giornalista Yankee, Sir Morton Stanley, “ Scopri’ ”a fucilate  il suo Paese, finanziato dal Re Leopoldo, non poteva immaginare che si sarebbe aperto un lungo capitolo di  sfruttamento  delle sue risorse in una colonizzazione durata fino al 1960 , anno in cui una Indipendenza del tutto cartacea consenti’ l’assassinio di Patrik Lumumba e di migliaia di altri in una lotta non solo per il potere e quindi lo sfruttamento teleguidato dall’Europa e dagli Stati Uniti, ma sopratutto per stabilire una  predominanza  di fatto tribale che perdura ancora ai giorni nostri.

La rapida nota storica, Signora, serve per rammentarLe che nel suo paese, l’etnia , l’appartenenza contano. Contano  nella RDC , cosi’ come in tutto il Continente Africano. Mettere al potere o in posizione comunque decisionale o influente una appartenenza tribale “Inappropriata” significa ancora oggi  un bagno di sangue. Gli equilibri etnici sono la chiave in Africa di ogni possible convivenza (come è stato ampiamente dimostrato in paesi come la tribale Libia, o in altre tragedie di cui giornalmente possiamo effettuare la conta dei morti, dove etnia e religione si mischiano in videogame splatter terribilmente reale che miete annualmente centinaia di migliaia di vittime).

Da decenni  e cioe’ pressapoco  dall’inizio della fase postcoloniale, tranne che nel caso straordinario Sud Africano, nonostante la presenza di migliaia di Cittadini Africani di razza Bianca, nessun parlamento sub sahariano (che ci risulti) conta su una presenza o un contributo esecutivo extra-razziale.

Il dato e’ forse irrilevante, tuttavia , nella logica globalizzata di una correttezza politica planetaria ha un peso che,  nella Sua posizione privilegiata ed istituzionale di Ministro della Repubblica, dovrebbe quantomeno analizzare , sopratutto perche’ Lei nel parlamento italiano ha una funzione assegnatele con precisa determinazione, come il nome dello stesso Ministero affidatole esplica in maniera più che cristallina.

Immagini per un’istante Sigora Kyenge un qualsiasi paese Africano che vedesse gli immigrati di una Nazione limitrofa acquisire inaspettati diritti, vantaggi sperequativi , una cittadinanza per sè e per le proprie famiglie , nel mentre di una lunga crisi ad alto impatto sociale. Immigrati che semmai , per una decerebrata strategia politica perseguita in maniera pseudo-ospitale si vedono in larga percentuale alla piu’ umiliante marginalita’ e  costretti semmai per necessita’ o inclinazione allo spaccio di stupefacenti, all’aggressione , al furto , alla rapina , all’illegalita’ commerciale , alla violenza carnale , alla prostituzione. Insomma ,  una realta’ estranea al tessuto ormai fragile di ogni etnia , fatto di tradizioni , di immaginario comune , di percezione del Divino , di impostazioni relazionali, di storia , di orgoglio standard , di appartenenza e di molto altro.

Lei sa bene che questo porterebbe il paese Africano in questione , indipendentemente dal numero di caschi blu (come al solito opportunamente) presenti nella regione, ad un eccidio , ad una rivolta generalizzata, ad un genocidio.

Lei si rendera’ conto altrettanto bene che nel suo continente sarebbe sufficiente che una invasiva comunita’ immigrata provenisse da oltre le virtuali frontiere di una regione attigua e quindi con una lingua  in comune , con divinità in comune  e l’identico colore della pelle , che il conflitto si produrrebbe comunque.

Certo Signora Kyenge , l’Italia non e’ Africa e migliaia di anni di civilta’ dovrebbero  avere prodotto non tanto una tolleranza diffusa ma perlomeno un metodo corretto di gestione della ospitalita’ e del rapporto  inter-culturale e razziale all’interno di una societa’ evoluta , ma… l’Italia rappresenta  un esempio disgraziato, dove una classe politica largamente priva di specializzazioni di settore, convinta della onnipotenza di una casta autolegittimatasi per decenni attraverso  il rito vuoto e patetico dei Ludi Cartacei, gode della  prerogativa di proporre una sciocchezza tattico-economica-antropologica  come lo Ius Soli , usando lei come medico Congolese per legittimare forse antropologicamente la proposta .

Proposta che, a nostro parere, ha un’obbiettivo del quale non crediamo Lei sia interamente consapevole.

La Sinistra Italiana Signora, e’ la piu’ sofisticata del mondo , nel senso che si tratta delle propaggini salottiere e profumate di una piccolo borghesia semi-acculturata che di oppressi e svantaggiati ha sentito parlare a volte dal verduraio. Si tratta di una armata ipocrita di ex studenti ai quali e’ stato insegnato un parametro rigido che e’ quello del bene e del male in chiave para-progressista , quasi cinematografica , laccata di un cattolicesimo negato ma interamente assorbito . Una Sinistra innamorata un po’ di Stalin e molto di un Guevara che non conosceva le delizie dell’Happy Hour e la sciarpe di Cashmere , sempre in bilico tra un Mantra Tibetano e i flauti andini di Pan.

In tempi nei quali lei era probabilmente una bambina ,fu diffuso in Italia un filmetto generazionale chiamato  “Porci con le Ali” nei quali in una sequenza si discuteva se… la Doccia fosse di Sinistra e la vasca da bagno di Destra. Le sembrera’ incredibile ma l’aneddoto mostra una tendenza che persiste perche’ quei ragazzini riccioluti dalla palpebra cadente per via della cannabis, con un Marx mai letto su uno scaffale , sono diventati grandi e sono quelli che oggi la cospargono di incenso fragrante e temiamo per il colore simbolo della sua pelle piu’ che per le sue capacita’ terapeutiche.

Quella sinistra Signora  si rende conto che lo stato di privilegio associativo istituzionale si sgretola progressivamente per tutta una serie di ragioni tra le quali, il disprezzo profondo degli italiani di ogni ceto e condizione che disertano tendenzialmente le Urne. Pochi votanti =Poca legittimazione ma sopratutto , la inevitabile tendenza a sfoltire una armata di nullafacenti di limitatissimo talento e dagli stipendi stratosferici.

A quella Sinistra nomenklaturale e radical chic si è di recente aggiunta la Sinistra Transnazionale, una frangia sicuramente più evoluta, già presente nelle strutture “occidentali” che contano (Bilderberg & Co.), e già ben inserita in quel binario tradizionale che prende ordini direttamente dal padrone oltreoceano, e che nel nome di una rottamazione senza precedenti, persegue in maniera prona e reazionaria gli interessi (già sufficientemente tutelati) della “prima democrazia del mondo”; tramite slogan “obamiani” ormai tanto in voga e nel nome di modernizzazioni, privatizzazioni, e mendaci speranze, vuole issare la bandiera a stelle strisce e consacrarci come 51mo stato dell’Unione.

Sulla destra italiana, preferiamo perfino soprassedere, perchè ormai assomiglia più ad un baccanale ed un lupanare da basso impero che ad una seria frangia partitica. Su tale carrozzone politico, molto presto, in virtù del rubinetto arcoriano che cesserà la sua copiosa innaffiatura, calerà il tristo mietitore, che provvederà a decapitare tutta questa pletora di poltronai e servitù varia; i politicanti in guepiere.

A fare da sfondo a questo circo, la presenza del burattino di turno, che in nome della sua “fiera utilità alla democrazia“, anch’egli, molto più consapevolmente di lei, persegue una strategia finalizzata ad uno status quo di regime, che anestetizza qualsiasi “sintomo di ribellione” (anche di sana protesta democratica) e che riesce ad incalanare il dissenso verso una inutile e virtuale protesta, che, de facto, demanda a lui, nemmeno eletto, il suo destino da “carne fiscale da cannone“; tutto questo fino a quando il Pifferaio a 5Stelle avrà cessato la sua utilità  Poi, anche su di lui, calerà la scure, che prima o poi il sistema utilizza per accantonarti di getto.

Insomma una scocciatura enorme, cara Signora alla quale si puo’ porre rimedio raccattando qualche milione di voti tra una variegata comunita’ neo-cittadina pronta a votare per i propri paladini quali come alternative avrebbero l’apertura di un fast food macrobiotico.

In Italia si sa  “A pensar male… si arriva vicino alla verita’” e forse noi soffriamo di una certa prevenzione di orgine ideologico-identitaria ma il sospetto e fiero e i conti come diciamo noi in Italia…tornano.

Lei ci pensi Onorevole … alle nostre sincere considerazioni.

Pensi anche che gli Italiani, che questo Ius Soli proprio non lo vogliono, e che il Parlamento puo’ (attraverso il suo fattivo contributo da Ministro) facilmente imporre alla Nazione una legge che, oltre ad essere odiosamente imposta, sarà sempre foriera di polemiche continue; in futuro, in primis grazie alla crisi sociale e finanziaria ormai devastante, nelle strade, il risultato potrebbe essere veramente Politicamente Scorretto, e tutto sommato, inedito per l’Italia.

Lei e’ pronta ad assumersi la responsabilita’ Storica di un conflitto di fatto civile e sociale ?

Lei e’ pronta a contraddire la tendenza Europea alla rigida regolamentazione del “Multiculturalismo” o piu’ prosaicamente al controllo delle presenze allogene ?

Lei e’ pronta a trasformarsi in un parafulmine ogni qualvolta una vecchietta viene rapinata da un Nigeriano, una bambina dissanguata da una infibulazione , una donna massacrata per un abbigliamento sconveniente o qualche passante assassinato a colpi di piccone da uno squilibrato diversamente pigmentato da noi italiani ?

Lei corre il rischio di diventare la piu’ impopolare creatura di sesso femminile mai transitata nell’aula sordida, il bersaglio di una valanga progressiva di insulti tali da farle rimpiangere i riferimenti zoologici di un cinghiale padano.

Non la Invidiamo Signora Kyenge e in aggiunta, le promettiamo il Massimo della legittima e legale resistenza che ci e’ consentito esprimere in questa Repubblica sub Tropicale dove si reprime il nostro dissenso su base quotidiana  con sistemi che  a Lei dovrebbero risultare familiari e ricordarle semmai Mobutu il grande Leopardo, Laurant Kabila il Comunista  e indietro nel tempo l’amministrazione coloniale Fiamminga…  tutti finiti malissimo peraltro , il che dimostra una sorta di costante storica che punisce sempre il male travestito di merletti.

L’Onoreviole Calderoli le ha rivolto un insulto perche’ rappresenta politicamente e culturalmente un monumentale becerismo che non ci appartiene.

Noi invece  Le garantiamo una resistenza culturale continua che  e’ , crediamo , assai piu’ pericolosa dell’epiteto a Lei rivolto in maniera patetica.

Le promettiamo di istillare nelle nuove generazioni il valore della appartenenza non come crimine ma come istinto primordiale , la coscienza della proria storia e la sacralita’ del nostro essere stirpe come debito verso i nostri Padri ed in questo, Signora , speriamo con tutto il cuore di sconfiggerla senza mai doverLa offendere e tantomeno vigliaccamente intimidire.

La nostra storia è ricca di millenni di civiltà e non necessitiamo del becero insulto per difenderla. Ci è sufficiente la possibilità di diffonderla legalmente, in maniera certamente democratica, fattore, non del tutto scontato, in una “democrazia” come l’Italia.

Le chiediamo inoltre, di non farsi aiutare nel suo lavoro al Ministero dell’Integrazione, dal supporto di altri Ministri o Ministre, che paiono essere favorevoli ad una certa attività di repressione o discriminazione legale/informativa, che pare essere in atto da qualche mese, nei confronti di chi la pensa diversamente da coloro che fanno dello Ius Soli una battaglia imprenscidibile. Lei (e altri/altre) che vengono da “Sinistra” dovreste essere i primi a difendere la “libera circolazione delle idee” che democraticamente sono garantite dalla Costituzione. Nella stessa “fabulous America”, a cui pare immensamente guardare tutto l’arco partitocratico italiano senza distinzioni, tale garanzia è legalmente protetta da leggi federali, e saremmo grati di poter usufruire di tale minimo diritto morale.

Rimanga pure in questa terra meravigliosa , goda dei suoi frutti e delle opportunita’ che le vengono concesse , descriva il nostro Popolo di “meticci” una volta tornata a casa con onesta’ intellettuale e i doverosi distinguo ma sopratutto, comunichi al mondo (Lei puo’ farlo) che L’Italia rimarra’ Italiana e l’Europa rimarrà Europea e che l’odio e’ una opzione che vorremmo depennare dal futuro dei nostri figli , per quanto possible , se possible…

Cordialmente

Unione per il Socialismo Nazionale.



   

 

 

7 Commenti per “Lettere al Direttore – Lettera aperta all’onorevole Kyenge”

  1. bellissima lettera,penso comunque che le ipotesi di domanda rivolte alla ministra,rimarranno senza risposta,al limite un “chissenefrega”,

  2. Francesco Masi

    Bel saggio! Ma quanto servirà’

  3. una lunghissima lettera molto bella ma la leggerà mai???? secondo me non arriva nemmeno alla terza riga

  4. Non credo che l’onorevole Kyenge possa capire s’essenza della lettera , è una donna di cultura che farebbe tanto bene al suo paese d’origine, noi abbiamo i nostri che già combinano guai

  5. Forse queste innegabili verità la signora Kyenge le conosce e non le vuole neanche leggere in quanto la metterebbero di fronte ad una scelta etica e sociale difficile da prendere: immediate dimissioni.
    Comunque noi dobbiamo far girare questa lettera il più possibile e con tutti i mezzi, se non altro per acculturare i fessi che si limitano ad offendere gratuitamente chicchessia essendo assolutamente ignoranti di qualsivoglia argomento. Ogni riferimento a Calderoli e amici di bevute é assolutamente voluto.

  6. …ma quante parole (condivisibili) sprecate per rivolgersi ad una squallida comparsetta del governo!

  7. Lettera troppo sincera e certamente veritiera ,temo venga ignorata e non presa minimamente in considerazione per il semplice fatto che accettare di discuterla vorrebbe dire per “LORSIGNORI” sinistroidi e sostenitori della ministra essere messi inevitabilmente spalle al muro ragion per la quale faranno orecchi da mercante e la ignoreranno.Peccato perchè meritava una serena e profonda esaminazione per le verità che propone .Ma così va il mondo ….in ITALIA.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -