Kyenge: “dare l’incarico di Calderoli a chi è in grado di farlo”

kyenge15 lug –  Dopo gli insulti di Roberto Calderoli, la ministra Cécile Kyenge replica: “Le parole hanno un peso e conseguenze”. Ed aggiunge: “Calderoli dovrebbe dimettersi? Se non è in grado di tradurre un disagio in un linguaggio corretto, bisogna forse dare il suo incarico a chi è capace di farlo“.

Dopo mesi di insulti, a paragonare il ministro dell’Integrazione ad un orango è stato il vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli. E Cecile Kyenge ha deciso di replicare. “Non mi rivolgo alla persona, ma alla carica istituzionale che ricopre, per invitarlo a fare una riflessione profonda. Da queste sedie rappresentiamo l’Italia, parliamo a nome dei cittadini. E le parole hanno un peso”, ha detto Kyenge in una intervista a Il Corriere della Sera.

“Dobbiamo correggere il linguaggio politico. Sono disponibile al confronto, ma – ha avvisato Kyenge – che si basi sui contenuti e non sulle offese. È arrivato il momento di dire basta”. Quanto all’ipotesi di dimissioni del vice presidente del Senato “preferisco non esprimermi. Dico, però, che, se non è in grado di tradurre un disagio in un linguaggio anche duro, ma corretto, bisogna forse dare il suo incarico a chi è capace di farlo”.

“Accetto le scuse” di Calderoli. “Per il resto sono disponibile a rispondere a tutte le domande che si vogliano rivolgere alla ministra italiana dell’Integrazione”. Il ministro riceve quotidianamente minacce “con ogni mezzo. Lettere, email, telefonate. Le più terribili sono online, anche minacce di morte. Non c’è ancora una legge, e invece servirebbe. L’istigazione al razzismo – ha concluso il ministro – sta diventando man mano istigazione alla violenza. Vale per tutti, penso agli attacchi che riceve la comunità ebraica. Dobbiamo lavorarci”.



   

 

 

3 Commenti per “Kyenge: “dare l’incarico di Calderoli a chi è in grado di farlo””

  1. re fa ·
    Ma di che parliamo!
    Miss 2 % offende gli italiani volendo dare case solo a rom e extracomunitari
    Miss chiagne offende l’Italia perché pur essendo ministro non si sente del tutto italiana e nessuno dice niente.
    Il presidente della Repubblica offende gli italiani perché si aumenta lo stipendio in un momento come questo e nessuno dice niente
    La corte costituzionale offende gli italiani perché nella crisi in cui navighiamo ha deciso che le pensioni d’oro non si toccano e nessuno dice niente.
    La costituzione offende gli italiani perché il diritto al lavoro non esiste più e nessuno dice niente.
    Chissà ora che diranno gli Oranghi!

  2. per essere un orango e’ intelligente ci si confronta sui contenuti non offendendo.E’ che la Signora ancora non ha capto che quando si parla ad un leghista bisogna usare un linguaggio pari pari al suo cercare di far capire che i neri non sono scimmie e’ difficile da far capire achi crede che esista la Padania o che auspica alle creazione di uno Stato Padano con solo abitanti padani doc da minimo 100 generazioni con frontiere chiuse per tutti i non padani io credo che i milioni di scimmie africane evolute verrebbero a studiare questi srtani esseri di unaspeciesconosciuta

  3. e lei che istiga gli italiani al razzismo preoccupandosi solo degli immigrati a scapito nostro. e’ lei che dovrebbe andarsene…..anzi…non avrebbero nemmeno dovuto mettercela. vuole abolire il reato di clandestinita’ e introdurre lo ius soli? bene, che indica un referendum e chieda agli italiani cosa ne pensano. non e’ lei che puo decidere, e nemmeno un governo di non eletti….altrimenti prossime elezioni che il suo partito metta queste norme in programma e se saranno eletti potranno e dovranno attuarle.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -