Draghi: il disagio sociale è tragedia, ma avanti col rigore altrimenti “sappiamo come reagirebbero i mercati”

draghi

8 lug – Il risanamento dei conti pubblici “è inevitabile” e “gli sforzi fatti non devono essere vanificati”, ha avvertito il presidente della Bce Mario Draghi durante una audizione al Parlamento europeo. Se non si seguisse la disciplina di bilancio “sappiamo come reagirebbero i mercati” ha anche avvertito: con aumenti generalizzati dei tassi di interesse effettivi “che deprimerebbero ulteriormente l’economia reale”.

In Europa J.P. Morgan ha calcolato tutto, anche il genocidio

“non sono “i nostri politici”, ma i nostri carnefici!”…”dai loro frutti li riconoscerete”

“So che il disagio sociale in alcuni Paesi è una tragedia”. Lo ha detto Mario Draghi, riferendosi ai Paesi in difficoltà e costretti al consolidamento di bilancio, nel corso di un’audizione al Parlamento europeo

Il “principale rischio sistemico in Europa è la recessione prolungata”, ha aggiunto Draghi rispondendo ad una domanda  in qualità di presidente della Esrb. Draghi ha aggiunto che “le recessione prolungata sta indebolendo il sistema bancario, aumenta i premi di rischio e danneggia” la capacità di credito

Secondo Draghi, la situazione dell’inflazione e dell’economia “richiede tassi bassi”, e “un rialzo dei tassi di interesse tenderebbe a destabilizzare Paesi in situazione già deboli, rendendoli ancora più deboli”.

L’economia dell’Eurozona “si è contratta per il sesto trimestre consecutivo” e deve “ancora affrontare notevoli sfide” che possono “minare il mercato unico”. Inoltre “le condizioni del mercato del lavoro restano deboli”, ha affermato ancora Draghi, parlando come presidente Bce al Parlamento Ue. Ha aggiunto che “gli indicatori della fiducia hanno mostrato qualche miglioramento, benché da livelli bassi”. In generale l’economia “dovrebbe stabilizzarsi e recuperare nel corso dell’anno,anche se a passo ridotto”.

Nella creazione dell’Unione bancaria “la posta in gioco è troppo alta per consentire indebiti ritardi”. E’ il richiamo fatto da Draghi parlando al Parlamento europeo in veste di presidente Bce. “Per completare questo progetto essenziale, un’azione risoluta deve essere presa nei mesi a venire”.

La mutualizzazione del debito pubblico, per Mario Draghi, “equivale all’emissione di nuovo debito” e “per questo bisogna fare molta attenzione”, ha aggiunto Draghi. Parlando come presidente Bce al Parlamento europeo ha precisato che per emettere eurobond “ci deve essere fiducia tra i Paesi, tutti gli Stati membri devono rispettare le stesse regole ed avere la stessa disciplina”.



   

 

 

2 Commenti per “Draghi: il disagio sociale è tragedia, ma avanti col rigore altrimenti “sappiamo come reagirebbero i mercati””

  1. Caro draghi, sei commovente……

  2. Va bene tutto quanto evidenziato e ritenuto opportuno, ma l’aliquota sui redditi finanziari e la tobin tax devono essere riviste in aumento in tutta Europa. La Finanza ha affossato l’Economia reale. L’Equità fiscale e la grossa Evasione da perseguire in tutta Europa sono le soluzioni. Se non si detassano i redditi bassi – quelli destinati ai bisogni di base del vivere umano – non ci sarà incremento nei CONSUMI (quelli di massa) e non ci sarà alcuna “Ripresa”. E poi la “Ricerca”effettiva, moderna, SENZA BARONATO. L’ISTRUZIONE… e l’EDUCAZIONE CIVICA ( specie nella nostra derelitta Italia) : due pilastri da consolidare, che dovrebbero dare lustro all’Europa e coscienza ai Cittadini Europei.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -